Il 9 febbraio si è svolta a Roma una grande manifestazione sindacale unitaria a cui hanno partecipato centinaia di migliaia di persone. In quella folla incredibile c’ero anch’io. Abbiamo rivendicato il ruolo fondamentale che il sindacato confederale ha su quelli che sono i grandi temi che riguardano i cittadini, le lavoratrici, i lavoratori, i pensionati, i giovani, e abbiamo detto in modo chiaro che 12 milioni di iscritti al sindacato non possono essere esclusi dalle scelte politiche che li coinvolgono. Nonostante il tentativo del governo di sminuire e screditare il ruolo del sindacato, la manifestazione ha sortito un primo importante effetto: lunedì 25 febbraio l’esecutivo ha convocato al Ministero del Lavoro le Organizzazioni sindacali sul tema delle pensioni.

Se “quota 100” rappresenta, nei prossimi tre anni, un’opportunità per i lavoratori e le lavoratrici che ne potranno usufruire, c’è un dato di fatto che il governo tenta di eludere: la Legge Fornero non è stata affatto cambiata, al contrario di ciò che si è promesso in campagna elettorale.

Restano infatti esclusi da questa misura migliaia di uomini e, soprattutto, di donne che, per i lavori che svolgono, difficilmente riescono a raggiungere la quota 62 più 38 e parlo dei lavoratori stagionali e discontinui, dei lavoratori del commercio, del turismo, degli appalti, dell’agricoltura e dell’edilizia ad esempio. Parlo delle migliaia di lavoratrici con part-time involontario, magari anche verticale/misto, come quello con sospensione estiva nella ristorazione scolastica (applicato a chi lavora nove mesi su dodici pur essendo in regime di continuità lavorativa). Qualcuno si è poi dimenticato dei giovani e delle loro pensioni che oggi sono “chimere”.

Vi è poi la necessità per i sindacati “di insediare immediatamente due commissioni per l’individuazione degli altri lavori gravosi e usuranti” come si evince nella nota unitaria divulgata ieri da Cgil Cisl e Uil; su questo passaggio, a cui tengo particolarmente, mi preme fare una specifica che sa di appello.

Se entriamo nel merito dei vari contesti lavorativi, ogni lavoro può essere considerato usurante per la mente e/o il corpo, con l’andare degli anni, soprattutto considerando la mole di contributi e i limiti di età a cui ormai siamo assoggettati per immaginare una pensione quantomeno dignitosa. Ma ci sono lavori più usuranti di altri, questo è indubbio, e mi sento di urlare a gran voce che il settore della ristorazione collettiva dovrebbe comparire al più presto in quella lista. Lo dico con cognizione di causa, perché ogni giorno mi ritrovo a osservare, e a cercare di tutelare come sindacalista, lavoratori, e soprattutto lavoratrici di questo settore estremamente frammentato, massacrato, fragile e povero. Lavoratori e lavoratrici che ai 50/60 anni ci arrivano con il fisico devastato e pochi contributi.

Sempre più frequentemente mi capitano casi di inidoneità all’attività lavorativa, dichiarate a seguito di visite aziendali, che lasciano anche me nell’amarezza di non sapere come poter aiutare queste persone. Troppo malate per lavorare, e troppo poco invalide per l’Inps che rigetta loro le domande per la pensione anticipata. Un limbo che sfocia troppo spesso nel drammatico e oggettivo epilogo della quasi totale assenza di reddito. Così, queste lavoratrici e questi lavoratori, arrivano al punto di non dichiarare le loro patologie durante le visite con il medico aziendale per paura di essere sospesi o di perdere il posto di lavoro. E allora peggiorano. Lombosciatalgia, artrite reumatoide, periartrite, ernie, patologie ossee, schiene a pezzi. Le donne soprattutto. Lavare pentoloni e teglie pesanti per 6/8 ore in un centro cottura o preparare migliaia di pasti ogni notte per farli veicolare al mattino nelle scuole non è forse usurante?

Ecco. Per me e per la mia collega (compagna), che ci occupiamo di queste persone, che vediamo ogni giorno le loro mani deformate e ci ritroviamo inermi davanti a situazioni disperate, che denunciamo nel nostro piccolo un sistema di ricatto e di terrore su un argomento così importante come la salute e la sicurezza sul lavoro, ottenere l’inserimento della ristorazione collettiva tra i lavori gravosi e usuranti rappresenterebbe davvero un elemento importante per poter dimostrare a questi lavoratori, al di là della quotidiana presenza e tutela, che ce la stiamo mettendo tutta, come Cgil, per rendere loro un po’ di giustizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Precari della ricerca, Tar del Lazio apre la strada alla stabilizzazione. La riforma Madia escludeva gli assegnisti

prev
Articolo Successivo

Reddito, obbligo di accettare un lavoro solo se salario è superiore a 858 euro. Lo Stato non controllerà le singole spese

next