Virginia Raffaele ha invocato per ben 5 volte il nome di Satana sul palco dell’Ariston“: è questa l’assurda polemica che chiude il Festival di Sanremo 2019, condivisa e alimentata da molti politici, tra cui anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che l’ha rilanciata sul suo profilo Facebook. Fin qui nessuna novità, visto che il vicepremier è solito commentare qualsiasi cosa sui suoi profili social, dalle operazioni di polizia al Festival di Sanremo. La sorpresa arriva infatti leggendo gli oltre 7mila commenti. La stragrande maggioranza, lo attacca per le sue parole e molte critiche arrivano anche dai suoi sostenitori.

Io ti sostengo ma questo è davvero troppo Matteo. Basta…cambia comunicazione!”, gli scrive qualcuno. E ancora: “Se sei tu che scrivi caro Matteo Salvini…..ti dico una cosa….ti ho sempre appoggiato ma questa volta no!!!! Se pensi una cosa del genere vergognati”; “Spero che ti hanno hackerato il profilo caro Matteo, perché ti stimo, ma dopo questa ti stai ridicolizzando“. O ancora: “Premesso che il mio orientamento politico sia di destra. Ma perché non vi rilassate un po’ tutti e non pensate più alla politica del nostro Paese e meno al gossip? Non per forza si deve commentare tutto e alimentare qualsiasi polemica perché si rischia di cadere nel ridicolo. #unpodimeno”. Solo per citarne alcuni.

A questi si aggiungono poi numerosi commenti ironici: “Finalmente uno che svolge il suo ruolo da Ministro della Mafia e della Stregoneria #CorneliusSalviniCaramel”; “Trash di alto livello. Probabilmente verremo presi per il culo in tutto il mondo per questa cosa“; “Anche io qualche volta ho lasciato il profilo aperto sul PC e gli amici ne hanno approfittato”; “Le sette sataniche evocano le streghe che vendono le scope volanti agli immikrati che vengono ad invaderci volando. Kapitone ajutaci tu”. Una presa di posizione così netta nei confronti del vicepremier da parte dei suoi sostenitori non si era ancora vista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Preleva sangue al figlio senza motivo per cinque anni: condannata a quattro anni. “Soffre della sindrome di Munchausen”

prev
Articolo Successivo

Francesca Costa, chi è la mamma “wags” di Nicolò Zaniolo di cui tutti parlano

next