E’ stata condannata dalla corte di Herning a quattro anni di reclusione lo scorso 7 febbraio, per aver prelevato sangue al suo bambino per cinque anni, senza motivo. Il bimbo si è ritrovato a perdere un litro di sangue alla settimana, dagli 11 ai 6 mesi. Lei si è giustificata dicendo che suo figlio era malato ma non era vero. Secondo quanto riporta ABCNews i dottori si erano allarmati e avevano allertato la polizia, che ha filmato la mamma con il figlio. Il bambino, che ora vive con il padre, era fortemente debilitato. Quando i giudici gli hanno chiesto quando aveva cominciato, lei ha risposto: “Non so quando ho iniziato. È successo gradualmente. Ho buttato il sangue nel water e ho bruciato le siringhe”, riporta il TheLocal Denmark. Secondo il tribunale la donna soffre della sindrome di Munchausen, nota anche come sindrome di dipendenza dall’ospedale, un disturbo psichiatrico per cui le persone colpite fingono la malattia o un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Volo, Gialuca Ginoble: “Sono giorni che alcuni giornalisti ci telefonano per scusarsi a nome di chi ci ha offeso. Siamo amareggiati e delusi”

prev
Articolo Successivo

Salvini condivide sui social le accuse di satanismo a Virginia Raffaele. Ma i suoi “fan” insorgono: “Ti ho sempre appoggiato, ma ti stai ridicolizzando”

next