Oggi il presidente del Consiglio Giuseppe Conte interviene a Strasburgo, nell’ambito dei periodici dibattiti sul futuro della Ue che vengono organizzati al Parlamento europeo. Il governo italiano non gode di molte simpatie in Europa e questo di per sé non sarebbe grave. Ma soprattutto si è messo volontariamente in una situazione paradossale, simile a quella che gli spagnoli definiscono “il cane dell’ortolano” che non mangia, cioè non riesce a ottenere praticamente nessuna delle cose che pretende nonostante la grancassa mediatica, né lascia mangiare, cioè non partecipa o influenza in alcun modo – se non ogni tanto bloccando qualcosa e mai per troppo tempo – l’agenda europea in settori chiave: dalle migrazioni, al bilancio, alla riforma delle politiche dell’Ue fuori dall’austerità, al commercio, alla spinta a investimenti e imprese, per non parlare naturalmente della politica estera o dell’energia e il clima (nonostante un inizio promettente di cambio deciso rispetto alle posizioni piuttosto “fossili” e poco attive dei governi precedenti su quest’ultimo tema).

Fra le poche cose che Matteo Salvini e Luigi Di Maio condividono c’è sicuramente una mancanza di empatia per il progetto europeo, oltre che una profonda ignoranza su ciò che questo rappresenta, e un nazionalismo superficiale, ma non per questo meno pericoloso. Giuseppe Conte si barcamena fra i due e oggi farà sicuramente lo stesso.

E poiché l’Europa siamo anche noi, diventa davvero urgente in vista delle Elezioni europee esplicitare un’idea, un progetto che tenga insieme l’ambizione di cambiare l’Ue e quella di fare uscire l’Italia dalla cappa di sovranismo inetto e reazionario che pare dominarla oggi. Perché, che ci piaccia o no, anche dal modo in cui l’Ue saprà funzionare (o no) rispetto alle sfide epocali che ci aspettano – dai cambiamenti climatici, alla lotta alle disuguaglianze, alla digitalizzazione, al modo di spendere le risorse e riformare il governo dell’Eurozona, i conflitti ai nostri confini e la costruzione di una società aperta e pacifica – dipenderà la possibilità dell’Italia di riprendere la strada della coesione interna e dello sviluppo economico e sociale.

Insomma, in vista delle elezioni del 26 maggio 2019 c’è bisogno di ridare un volto nuovo e amico all’Europa; e all’Italia l’orgoglio di fare parte di un progetto comune che funziona. E c’è bisogno di uscire dall’illusione che un vago europeismo un po’ di maniera e conformista, unito con la paura di ritrovarsi “isolati”, possa rispondere in modo efficace alla necessità di una riforma profonda delle politiche e del modo di funzionare della Ue che a loro modo Salvini e Di Maio interpretano. Non è scegliendo Francia e Germania (che spesso vanno in direzioni diverse, peraltro) invece che Orban o i gilet gialli che recupereremo un ruolo dentro l’Unione e riusciremo a cambiarla.

Ci vuole un progetto che parli “europeo” e “italiano” allo stesso tempo e si basi su una visione chiara delle priorità e delle cose da fare per l’Europa e per l’Italia in Europa. Per noi ce ne sono almeno tre, urgenti, impellenti, che si intersecano e si combinano:

1. lotta ai cambiamenti climatici;
2. rifiuto di nazionalismo e muri;
3. lotta alle diseguaglianze.

Non si possono rifiutare nazionalismo e muri senza governare il fenomeno delle migrazioni, ristabilendo vie legali di migrazione controllata e rispondendo con regole e risorse adeguate alle preoccupazioni economiche, ma anche culturali di tanta parte degli europei: è ciò che chiedono di fare tanti sindaci e tanti cittadini in tutta Europa e il Parlamento europeo con la sua riforma del regolamento di Dublino.

Non si può uscire dal modello di economia basato sui fossili e sulla contrapposizione fra ambiente e lavoro senza assicurare una transizione equa che tassi chi inquina, chi evade ed elude e accompagni con adeguate risorse questo cambio di modello: come chiedono a gran voce, inascoltati, gli attori economici e i lavoratori della green economy che impiega in Italia tre milioni di persone. E senza un vasto consenso, che sta emergendo ogni giorno di più nelle piazze degli scioperi sul clima in Europa. E piano piano anche in Italia.

Su questo Conte non potrà dire nulla a Strasburgo, perché il suo governo non è solo euroscettico e un po’ razzista, è anche eco-indifferente. Ma l’Italia va ben oltre questo governo. E tra le varie opzioni più o meno credibili in campo, si sta consolidando un’iniziativa che invece queste questioni non le ha solo a cuore, ma sono la sua stessa ragione d’essere. Ci piace pensarla come un’”onda” verde, civica, progressista, che sabato ha lanciato un appello per le Europee di maggio proprio a favore di politiche climatiche efficaci e di una visione dell’Europa solidale e sostenibile, che sta raccogliendo un interesse e appoggio da rappresentanti del mondo della cultura, dell’imprenditoria, dello spettacolo, dell’associazionismo. Un’onda che, anche con l’appoggio della famiglia dei Verdi europei, saprà rappresentare, ne siamo sicuri, un’opzione forte e credibile per gli elettori e le elettrici del 26 maggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mario Draghi, perché sbaglia chi lo ringrazia di aver ‘salvato la nostra moneta’

next
Articolo Successivo

Quantitative easing, il piano della Bce è fallito. Per ripartire occorre dare moneta all’economia reale

next