“Livio Cori è Liberato”: ne è convinto il professor Ugo Césari, foniatra ed esperto di perizie foniche che ha comparato, su suggerimento del giornalista Gianni Valentino, autore del libro Io non sono Liberato, la traccia vocale del misterioso cantautore napoletano rimasto finora anonimo con quella di Livio Cori. L’esperto ha svolto un’analisi spettrografica che compara la voce di Liberato con quella di altri 7 artisti e dalle analisi è emerso che soltanto quella di Cori risulta completamente sovrapponibile alla sua. 

“Abbiamo lavorato sulle formanti delle vocali, ovvero quei parametri che formano il suono della vocale. Abbiamo misurato anche altri parametri come la durata delle consonanti”, ha spiegato il professor Césari a Fanpage. Per l’esperimento è stato messo a confronto un estratto del brano Nove maggio di Liberato e un campione di Surdat di Cori e ne è emerso quanto segue: “Le formanti di Livio Cori sono assolutamente sovrapponibili a quelle di Liberato, quindi da un punto di vista dell’analisi spettrografica, Livio Cori è Liberato, assolutamente sì”.

Livio è un rapper e attore napoletano. Cresciuto nei famosi Quartieri Spagnoli, ha iniziato a far musica in modo serio quando aveva 18 anni. Da lì, anni di gavetta e collaborazioni con importanti esponenti del mondo hip-hop come Ghemon, Luchè e i Planet Funk. Ma il grande pubblico ha imparato a conoscerlo solo grazie alla serie televisiva Gomorra. Livio, infatti, non soltanto ha firmato la soundtrack Surdat, ma ha anche recitato nel ruolo di O Selfie, membro della gand dei Telebani.

 Si nasconde quindi davvero lui dietro al cappuccio del cantautore senza identità Liberato? La voce ha iniziato a circolare un anno fa, quando qualcuno aveva lasciato intendere che l’identità del cantautore misterioso sarebbe stata svelata durante la terza stagione della serie ispirata al libro di Roberto Saviano. Ma se di Liberato non se ne sono viste le tracce, è comparso Cori e questo ha destato più di un sospetto. Con Sanremo è successa più o meno la stessa cosa: doveva esserci Liberato e invece al fianco di Nino D’Angelo è apparso Livio Cori. Coincidenze?

Interrogato tempo fa in merito da Repubblica, Cori aveva però categoricamente smentito. “Non sono io Liberato. Lo apprezzo molto perché Napoli in questo momento ha bisogno di una luce che illumini il suo lato creativo. Entrambi usiamo una vena più melodica, possono esistere delle analogie, ma siamo diversi” ha raccontato il giovane, per poi comunque sottolineare “state certi che se pure lo fossi, non ve lo direi“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, Louis Fonsi da “Despacito” al palco dell’Ariston: “Sono un uomo molto passionale”

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2019, Achille Lauro replica a Matteo Salvini: “Altro che droga, Rolls Royce è un testo culturale”

next