Matteo Salvini stronca Achille Lauro. Per il vicepremier e ministro dell’Interno infatti, la canzone “Rolls Royce”, presentata a Sanremo dal rapper “è penosa e pietosa come musica, testo, immagine, tutto. Ci sarà qualcuno a cui può piacere, io preferisco Ultimo, Il Volo, preferisco Sanremo associato a Tenco, ho preferito Ligabue, Cocciante e Loredana Bertè. Quella roba lì secondo me non è musica“. Così ha detto ospite di Maria Latella a “L’intervista” su SkyTg24, ribadendo un concetto che già aveva detto nei giorni scorsi quando, commentando l’ipotesi che il testo potesse riferirsi alle pastiglie di ecstasy era stato categorico: “Mi fa schifo”. 

Non si è fatta attendere però la replica del diretto interessato, Achille Lauro, che in un’intervista al Corriere della Sera ha detto: “Io penso invece che sia un testo profondamente culturale e che sia una piccola opera d’arte per quanto riguarda il mio percorso”. Poi il rapper ha spiegato ancora una volta che “Rolls Royce” si riferisce esclusivamente a una frase detta da Marilyn Monroe, che se doveva piangere preferiva farlo sui sedili di una rolls royce appunto, e non certo alla droga.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sanremo 2019, “Livio Cori è Liberato”: una perizia fonica lo dimostra

next
Articolo Successivo

Sanremo 2019, la rabbia del super favorito Ultimo contro i giornalisti: “Dovete sempre rompere il ca@@o”

next