Da quando “Despacito” è diventato un brano da guinness dei primati, lui viene identificato come l’artista portoricano che fa ballare e scatenare in pista, ma il suo animo ha anche una vena passionale alla quale non vuole “assolutamente rinunciare. L’artista dei record Luis Fonsi, canta stasera sul palco dell’Ariston insieme all’amico e collega Eros Ramazzotti, con cui duetta nel loro nuovo singolo.

Ma in un incontro privato con i giornalisti ha rivelato la sua vena più dolce e passionale.”Nella mia carriera ho fatto tante canzoni romantiche, fanno parte di me, della mia musica -dice- ‘Despacito’ è un pezzo più ritmico, ma io non ho mai smesso di fare canzoni romantiche e passionali. Voglio fare entrambe. Anche se le radio preferiscono le canzoni ritmiche, io ho bisogno nella mia vita di fare tutte e due”.

Vent’anni di carriera alle spalle, un pezzo -“Despacito” appunto – che gli ha cambiato la vita, ammazzando tutti i record. Prima canzone in spagnolo ad essere arrivata in vetta alla classifica contemporaneamente in Spagna e in America, unico ‘disco di diamante in Italia’, 336 milioni di visualizzazioni in due anni solo in Italia (come se una persona avesse visto il video continuativamente per 1817 anni, così per dire) 1,6 milioni di like e 218 milioni di views per il video.

Portoricano, vive a Miami ed è lì che ha registrato “Vida”, il nuovo album che contiene 12 tracce tra cui i suoi successi mondiali (c’è anche ‘Echame la culpa’, ‘Imposible’ e ‘Calypso’), e che “rappresenta il momento che sto vivendo. E’ il mio nono album, e ci sono voluti due anni per comporlo”, dice. Sulla collaborazione con Eros, con il quale stasera canterà il brano che hanno realizzato insieme, ‘Per le strade una canzone’, dice: “È la prima volta che cantiamo insieme, sono veramente contento ed emozionato. Tanti anni fa ci siamo incontrati a diversi eventi, e poi di nuovo in Italia, in America, e quando lui mi ha proposto di fare questa canzone io sono stato felicissimo di farla”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, Eros Ramazzotti tamarro ma senza eccedere: “Faccio politica con le mie canzoni”

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2019, “Livio Cori è Liberato”: una perizia fonica lo dimostra

next