due milioni di euro restituiti dai parlamentari M5s finiranno alla Protezione civile, per interventi nelle tre regioni colpite da alluvioni o dal sisma, ovvero Liguria, Friuli Venezia Giulia e Sicilia. A rivendicarlo, nel corso del primo Restitution Day della legislatura, il capo politico del M5s e vicepremier Luigi Di Maio: “Manteniamo un’altra promessa con gli italiani, in tutto sono 100 milioni di euro restituiti dal Movimento 5 Stelle allo Stato in questi anni”, ha aggiunto. Per poi rilanciare sul taglio agli stipendi di onorevoli e senatori di tutto il Parlamento: “Fondamentale che per aprile almeno il Senato approvi il taglio. La prossima settimana presenteremo la proposta di legge per il taglio degli stipendi di tutti i parlamentari con il dimezzamento dell’indennità. Questo è un obiettivo che ci diamo come forza politica e come governo”“Entro il 2019” il taglio di 345 parlamentari “dovrà essere legge”, ha poi rilanciato. Un obiettivo però già slittato nel tempo, dato che lo stesso Di Maio aveva rivendicato la necessità di ottenere il taglio del numero di deputati e senatori entro la primavera del 2019

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diciotti, Di Maio: “Il M5s è da sempre contro l’immunità parlamentare ma quello di Salvini è un caso specifico”

prev
Articolo Successivo

Consob, Di Maio: “Savona incompatibile? No, abbiamo verificato. Persona giusta, sarà sentinella dei consumatori”

next