Geert Goiris e Matteo Fato – Palazzo De’ Toschi, Direzione Generale Banca di Bologna

Nelle sale di Palazzo De’ Toschi, il direttore di Artefiera Simone Menegoi cura la prima personale del fotografo e videomaker belga Geert Goiris. Immagini fotografiche di paesaggi intimi e una videoinstallazione dal titolo Terraforming Fantasies, che da il nome alla mostra, si posano sulle pareti a moduli esagonali ideate dall’architetto Kris Kimpe. Elementi totemici si dislocano e colonizzano lo spazio generando un percorso insolito e un’atmosfera estraniante, che traduce in forma le atmosfere care alla ricerca di Goiris. Nella sede attigua della Banca di Bologna, Barbara Meneghel cura invece il progetto dell’artista di Pescara Matteo Fato, che per l’occasione presenta due opere al confine tra pittura e installazione. Realizzate en plain air durante la mostra Straperetana – evento promosso dal borgo di Pereto, in Abruzzo – le opere mostrano le due facce di uno stesso paesaggio ritratto sia in condizione diurna che notturna e installato su casseforme lignee, cambiandototalmente l’essenza tanto del supporto quanto dello spazio circostante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Netflix ha un nuovo concorrente. E non è un sito di streaming

next
Articolo Successivo

Napoli è un mondo a sé. E le auguro di non cambiare

next