Dire “Siedi il bambino” non è più sbagliato. A stabilirlo è l’Accademia della Crusca che ha risposto ai lettori che chiedevano se fosse lecito costruire il verbo sedere con l’oggetto diretto di persona. “Si può rispondere di sì, ormai è stata accolta nell’uso, anche se non ha paralleli in costrutti consolidati con l’oggetto interno come li hanno salire o scendere (le scale, un pendio). Non vedo il motivo per proibirla e neppure, a dire il vero, per sconsigliarla”, ha spiegato Vittorio Coletti, socio dell’Accademia.

E non si tratta di stravolgere le regole grammaticali, ma di accettare l’idea che questi costrutti siano entrati nel linguaggio comune: “Diciamo insomma che sedere, come altri verbi di moto, ammette in usi regionali e popolari sempre più estesi anche l’oggetto diretto e che in questa costruzione ha una sua efficacia e sinteticità espressiva che può indurre a sorvolare sui suoi limiti grammaticali”, spiega Coletti. Lo stesso ragionamento non si può fare però con altri verbi come uscire e entrare, molto usati nei dialetti del sud Italia: l’accademico infatti, cita modi di dire come “scendi il cane” ma non entra nel merito della questione, ragion per cui resta ancora il veto su queste forme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giornata della memoria, perché l’opera d’arte di Boltanski dedicata alla Shoah è ancora attuale

prev
Articolo Successivo

Giornata della Memoria, l’operaio-calciatore che riforniva di armi i partigiani lombardi. La sua lettera dal lager: “Sto bene, ma mandatemi cibo”

next