Umiliare le persone non fa parte dei mio carattere“: a parlare così è Giorgio Locatelli che, ospite della redazione del FattoQuotidiano.it intervistato da Claudia Rossi e Diego Pretini, ha raccontato il suo ruolo da giudice nell’ottava edizione di Masterchef. E alla domanda se sarà un giudice severo, lo chef della locanda Locatelli di Londra ha risposto che sì, lo sarà, ma con uno stile british. Niente piatti tirati alla Joe Bastianich, quindi? “Chi fa lo chef e lavora in cucina i piatti li paga, quindi di solito non li rompe”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cosa succede quando cucini la carbonara con la pancetta al posto del guanciale? Lo mostrano i The Jackal nel nuovo spot di Masterchef

prev
Articolo Successivo

La Melevisione compie 20 anni: stasera la maratona degli episodi più belli

next