Anche se solo per una sera, tornano in tv Tonio Cartonio, Lupo Lucio, Strega Varana, Principessa Odessa, Cuoco Basilio, Milo Cotogno, re Quercia e tutti i personaggi più amati della Melevisione. La storica trasmissione per bambini della Rai in 20 anni ha registrato oltre duemila puntate, 250 canzoni e 754 filastrocche e venerdì 18 gennaio alle 21 su Rai YoYo torna con una maratona degli episodi più belli, per festeggiare questo importante anniversario. Si andrà avanti fino a notte fonda con tutti gli abitanti del Fantabosco e con i piccoli e grandi amici di CittàLaggiù: un tuffo nel passato per chi ora è grande ma da bambino non si perdeva neanche una puntata della Melevisione e un modo per far scoprire questo mondo magico fatto di fate, folletti amici, orchi e una strega dispettosa ai bimbi di oggi.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Masterchef 8, Giorgio Locatelli: “Io tirare piatti? Chi lavora in una cucina li paga, quindi non li rompe”

next
Articolo Successivo

Sanremo 2019, Saverio Raimondo escluso dal Dopo Festival: “Rai1 l’ha deciso dopo aver visto di cosa avrei parlato”

next