Il Tribunale di Como ha condannato sette imputati, al termine di due anni di udienze nel processo di primo grado, sugli ipotizzati abusi all’interno del Comune di Como legati al progetto di realizzazione delle paratie per difendere la città dalle esondazioni del lago. Processo al quale sono stati uniti procedimenti diversi, tra cui un episodio di corruzione a carico di un ex dirigente, Pietro Gilardoni (anche ex direttore dei lavori delle paratie) condannato con la pena più alta, 4 anni, per corruzione, turbativa d’asta e falso. I giudici hanno condannato per turbativa d’asta e falso a un anno e sei mesi (pena sospesa e non menzione) l’ex sindaco di Como Mario Lucini (centrosinistra), in carica fino al 2017, assolto da parte delle contestazioni.

Condannati a un anno e tre mesi anche l’ex responsabile del procedimento Antonio Ferro e le ex dirigenti comunali Maria Antonietta Marciano (un anno) e Antonella Petrocelli (sei mesi). Condannati inoltre l’ex dirigente Antonio Viola (2 anni per corruzione) e l’imprenditore Antonio Foti (1 anno e 8 mesi) per rivelazione di segreti d’ufficio. I giudici hanno infine disposto il non luogo a procedere per prescrizione nei confronti dell’altro ex sindaco di Como finito sotto accusa, Stefano Bruni (centrodestra), in carica dal 2002 al 2012 e del procuratore delegato di Sacaim, l’impresa che vinse l’appalto per le paratie. Le condanne sono state più lievi rispetto alle richieste del pm Pasquale Addesso.

L’ex sindaco Lucini e i dirigenti comunali sono stati condannati per avere “spacchettato” in appalti più piccoli i lavori al fine, dichiarato pubblicamente, di far proseguire l’appalto all’impresa Sacaim per riuscire a completare l’opera bloccata da anni, iniziata nel 2008 e mai terminata. Procedura che, secondo l’accusa, oltre che irregolare è risultata lesiva della libertà di concorrenza e dei principi di correttezza e trasparenza. Le difese hanno sempre puntato sulla buona fede degli indagati che, hanno sostenuto, hanno agito ritenendo di avere scelto la via migliore per la città. “La sentenza di oggi smantella il quadro di un Comune di Como centro di malaffare”, ha detto l’avvocato Edoardo Pacia, difensore di Gilardoni, annunciando ricorso in appello.In seguito all’inchiesta, il progetto predisposto dal Comune per il completamento delle paratie è stato congelato, la Regione ha avocato a sé l’intero iter, ma a oltre due anni è ancora fermo, ad eccezione della predisposizione di un progetto – presentato un paio di mesi fa – che ricalca quasi completamente quello predisposto da Gilardoni prima del suo arresto e che attende di essere approvato ed appaltato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cremona, palpeggiò 12enne: condannato a 6 anni autista scuolabus. Il pm ne aveva chiesti due: “Fatto di minore gravità”

prev
Articolo Successivo

Strage Bologna, agli atti del processo le memorie di parte civile su tesserini carabinieri trovati in un covo

next