La nazionalizzazione di Banca Carige è una “opzione concreta” per il governo. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del consiglio Giancarlo Giorgetti rispondendo ai giornalisti a margine di una conferenza stampa a palazzo Chigi.  A chi gli domanda di commentare quanto detto dal vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, che ha precisato che l’intervento non si configura come un salvataggio ma come una nazionalizzazione, ha risposto: ‘Questo lo vedremo esattamente tra due-tre-quattro-cinque settimane perché nel Dl c’è scritto, nella seconda parte, che la ricapitalizzazione precauzionale passa attraverso anche degli organismi che si chiamano Bce e Commissione Ue e quindi non dipende soltanto da noi’. Poi Giorgetti evita di rispondere sul perché il decreto Carige sia identico a quello del precedente governo su banche venete e Mps”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carige, quando Di Maio rimproverava a Gentiloni e al Pd: “Regalati 20 miliardi di euro alle banche”

next
Articolo Successivo

Carige, Di Maio: “Nazionalizzazione unica strada. Si pubblichi lista debitori. Capo della commissione d’inchiesta? Paragone”

next