I protagonisti della serie Netflix la Casa di Carta hanno fatto incursione agli Uffizi di Firenze. A sorpresa, il Professore, interpretato da Alvaro Morte; Berlino, Pedro Alonso, ed il regista del serial, Jesus Colmenar, si sono presentati per una visita nel celebre museo di Firenze, città dove stanno girando alcune scene della terza stagione della serie. Nel loro tour tra i capolavori del museo hanno avuto una guida d’eccezione: il direttore Eric Schmidt.

La visita è durata oltre un’ora: attori e regista si soffermati in particolare, ad ammirare i Duchi di Urbino di Piero della Francesca, la Primavera e Venere del Botticelli, la tribuna del Buontalenti, l’Adorazione dei Magi e l’Annunciazione di Leonardo, il Tondo Doni di Michelangelo (davanti al quale si sono concessi un selfie), la Medusa e il Bacco di Caravaggio. Anche alcune opere meno famose hanno attirato la loro attenzione: tra queste, soprattutto, il Marte di Bartolomeo Ammannati. Il tour si è svolto durante l’orario di apertura della galleria, tra la sorpresa dei visitatori che, entusiasti, hanno scattato foto e chiesto selfie al Professore e a Berlino.

Durante la visita gli interpreti della fortunata serie spagnola hanno scambiato battute con il direttore Schmidt. “A che ora chiude il museo?”, ha detto il Professore osservando attentamente le protezioni della Venere e le telecamere presenti nella sala. “È impossibile da rubare“, ha replicato sorridendo Schmidt. “Lei non sa con chi sta parlando”, ha ribattuto scherzosamente il Professore. “Spero che adesso non vogliate pianificare un colpo dei vostri agli Uffizi – li ha salutati al termine del tour il direttore – ma se vorrete girare nel museo alcune scene della quarta stagione sarete i benvenuti”. Il cast della Casa di Carta si trova a Firenze per girare scene della terza stagione della serie, seguita su Netflix da milioni di persone in tutto il mondo. Le riprese si sono svolte in piazza del Duomo e piazzale Michelangelo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’uomo di cui è innamorata la respinge, lei gli manda 159mila messaggi: “Preparerò il sushi con i tuoi reni e userò le tue ossa come bacchette”

prev
Articolo Successivo

Huawei, la gaffe di due dipendenti: il tweet con gli auguri di buon anno inviato da un iPhone diventa virale

next