Preparerò il sushi con i tuoi reni e userò le ossa delle tue mani come bacchette“. Questo è solo uno dei 159mila messaggi che Jacquelyn Ades, una donna di 31 della Florida mandava all’uomo di cui si era innamorata e che l’aveva respinta. I due si erano conosciuti su un sito di appuntamenti e poi si erano incontrati di persona e lui l’aveva respinta. Lei, però, non si è rassegnata all’amore non corrisposto ed è diventata una stalker: non si è limitata infatti a tempestarlo di messaggi ma ha anche fatto irruzione in casa sua e ha usato il suo bagno per fargli un dispetto, oltre a presentarsi nell’azienda di prodotti per la pelle di cui l’uomo è amministratore delegato, spacciandosi per la moglie.

A riferire la vicenda è il Mail Online, secondo cui la donna è stata arrestata con l’accusa di stalking e si trova in carcere in attesa del processo. Durante l’interrogatorio, la donna ha detto alle autorità di sapere che la vittima non fosse interessata a lei e di non volerlo ferire nonostante avesse inviato messaggi minacciosi che descriveva come “divertenti”, tipo: “Non cercare mai di lasciarmi… ti ucciderò… Non voglio diventare un’assassina“. “Va bene se è così che si sente”, ha detto la donna alla polizia. “Qualcun altro dovrebbe amarlo. Ha così tanto da amare. Lui è così carino. Non posso credere di averlo spaventato“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incendio in una “escape room”: muoiono cinque amiche di 15 anni

prev
Articolo Successivo

La Casa di Carta 3, blitz degli attori agli Uffizi. Il direttore: “Spero che non vogliate pianificare un colpo dei vostri qui”

next