Sul lungomare a sud di Bari, a pochi passi dalle spiagge cittadine, c’era un vero e proprio quartiere a luci rosse con tanto di intermediari, lucciole e protettori. Undici gli immobili a disposizione dei clienti che ogni giorno si alternavano per prestazioni sessuali con donne, quasi tutte sudamericane e romene, che dovevano pagare un caro prezzo per poter “lavorare“. Gli uomini della polizia giudiziaria, diretti dalla Procura di Bari, hanno scoperto dove avvenivano gli incontri, e a quali condizioni, dopo indagini durate pochi mesi. A finire nei guai, i proprietari degli immobili, tutti baresi già noti alle forze dell’ordine per reati specifici. Stando a quanto accertato dalle indagini della polizia municipale di Bari, i canoni di locazione versati erano solo di facciata perché in realtà erano le prostitute a versare ai proprietari una parte dei guadagni quotidiani, tra i 100 e i 150 euro. Le perquisizioni eseguite hanno consentito di sequestrare somme di denaro in contanti e libretti di deposito con ingenti importi, nella disponibilità dei proprietari e dei “protettori”.

Agli arresti domiciliari sono finiti anche i gestori effettivi degli immobili e due protettori, un senegalese e un barese. Non è stata invece trovata una cittadina brasiliana, che avrebbe svolto il ruolo di intermediaria. Le accuse sono di locazione di immobili a scopo di esercizio della prostituzione, tolleranza abituale e sfruttamento della prostituzione. Le indagini sono scattate pochi mesi fa e si sono concretizzate tramite servizi di osservazione, intercettazioni e ascolto dei numerosissimi clienti, che quotidianamente fanno la fila davanti alle case a luci rosse del lungomare barese. Ascoltate anche alcune prostitute che hanno ammesso di avere subito pressioni e minacce per consegnare parte dei profitti ai protettori o ai proprietari degli immobili.

In quel tratto di lungomare, denominato “Di Cagno Abbrescia” e “A. Giovine”, quella della prostituzione è storia vecchia. Le lucciole sono quasi sempre per strada mentre le auto in fila bloccano spesso la viabilità di quel fazzoletto di lungomare dove la maggior parte delle case, dei locali e degli immobili, danno direttamente sulla strada e si prestano quindi ad essere utilizzati dalle prostitute. Gli immobili risultano quasi sempre concessi in locazione con regolari contratti, tutti registrati da parte dei proprietari, a singole ragazze provenienti da Romania, Ecuador, Brasile, Colombia e Repubblica Dominicana. L’ultima operazione eseguita contro la prostituzione su quel tratto di lungomare risale al 2015. Quindici case, usate dalle lucciole e molte di proprietà delle stesse, furono sequestrate dai carabinieri mentre i loro proprietari furono denunciati per favoreggiamento alla prostituzione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Caudo: “Tmb Salario, dopo il rogo 2mila tonnellate di rifiuti all’aria aperta e viavai di mezzi”. Ama: “C’è autorimessa”

next
Articolo Successivo

Varese, vasto incendio sul monte Martica: 100 ettari di bosco in fiamme, ipotesi origine dolosa. In azione i Canadair

next