Dieci milioni di italiani davanti alla televisione e boom sui social: il quarto discorso di fine anno del presidente della Repubblica Sergio Mattarella è stato un successo di pubblico. Sui canali Rai il messaggio del capo dello Stato è stato trasmesso a reti unificate dalle 20.30 alle 20.44 e ha fatto registrare 6 milioni e 790mila spettatori, con uno share del 40%, in crescita rispetto all’anno scorso. Nella fattispecie, su Rai1 il discorso di fine anno del presidente è stato visto da 5 milioni 133mila spettatori con uno share del 30,3%, su Rai2 da 777mila spettatori (share 4,6%), su Rai3 da 821mila spettatori (share 4,8%), RaiNews24 ha registrato lo 0.34 di share con 59mila persone collegate. Su Canale 5 il messaggio di Mattarella è stato visto da 2 milioni 634mila spettatori con share al 15,6%, su Rete4 il Presidente della Repubblica è stato seguito da 359mila spettatori, pari al 2,1% di share. In totale il 60% circa degli spettatori di access prime time hanno voluto seguire il messaggio di Mattarella. Se si aggiungono le altre emittenti si arriva a 10 milioni  e 525mila di italiani, contro i 9 milioni e 700mila di un anno fa. Un dato importante, a cui va aggiunto anche e soprattutto il boom  di contatti social. Sull’account Twitter del Quirinale il discorso ha ottenuto due milioni e 150mila visualizzazioni, ma il dato è in crescita ed è praticamente triplicato rispetto allo scorso anno. Il trend, del resto, era chiaro sin dall’inizio, visto che subito dopo la fine del discorso di Mattarella l’hashtag #graziepresidente è balzato subito in cima alle tendenze di twitter.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mattarella al Papa: “Politica responsabile e lungimirante non alimenta paure, non lascia spazio a nazionalismo e xenofobia”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Maio e Di Battista insieme sulle piste da sci: “Nel 2019 legge per taglio degli stipendi dei parlamentari”

next