Se uno cerca su Google “Isabella Ferrari“, il primo risultato che esce è la sua famosa scena di sesso con Nanni Moretti in Caos Calmo, film del 2008 tratto dall’omonimo romanzo di Sandro Veronesi. La cosa però non è piaciuta all’attrice che, in un’intervista a Io Donna, ha detto che se fosse per lei la cancellerebbe per sempre. “Se da un lato mi può lusingare il fatto che la gente mi consideri una bella donna, dall’altro trovo estremamente riduttivo che su Internet la mia carriera, tutte le cose che ho detto da cittadina e da donna, vengano limitate a una scena di sesso”, spiega l’attrice ora tra i protagonisti di Baby, la serie Netflix ispirata alla vicenda delle baby squillo dei Parioli.Mi dispiace molto essere sminuita in questo modo, perché penso di aver fatto tanti film buoni e di essere legata a un immaginario cinematografico lungo 30 anni”.

“Mi ricordo che quando nel 2012 abbiamo presentato E la chiamano estate alla festa del cinema di Roma, dove nella prima scena ero completamente nuda, ci fu un attacco senza precedenti al film. Nonostante poi abbia vinto insieme al regista Paolo Franchi un premio, quell’episodio mi ha fatto molto soffrire. Per questo ridurre Caos calmo a quell’amplesso è ingiusto, perché il film è tutt’altro che voyeurista e quella scena, tolta dal suo contesto, non mi rappresenta affatto. Mi piacerebbe che si potesse eliminare per sempre dal web. Lei sa come si fa?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il mondo di Patty, l’attrice racconta: “Violentata a 16 anni. Mi ha penetrato nonostante dicessi “i tuoi figli hanno la mia età””

next
Articolo Successivo

Walter Nudo, il figlio di nome Elvis e la fidanzata Valentina Vestita: i due ballerini (dai cognomi ben assortiti) che piacciono ai social

next