Baci sul collo, sesso orale e penetrazione con forza tra le urla della ragazza violentata. Il violentatore è un attore 45enne, lei è invece un’attrice all’epoca del fatto ancora minorenne. La nuova confessione in diretta social che sconvolge il web l’ha pubblicata Thelma Fardin, 26 anni, volto molto celebre della tv argentina, in Italia nota per Il mondo di Patty. La Fardin in lacrime, seduta su un letto, ha raccontato ciò che è accaduto nel 2009.

“Per nove anni ho cercato di rimuoverlo dalla mente per poter andare avanti, fino a quando qualche mese fa ho sentito altre ragazze accusare la stessa persona. E quello è stato come uno schiaffo per me”, ha affermato la Fardin. “Nel 2009 ero in viaggio per uno spettacolo teatrale su un famoso programma tv per bambini. Avevo 16 anni ero una ragazzina e l’unico attore adulto che viaggiava con noi aveva 45 anni. Una notte ha cominciato a baciarmi il collo. E io gli ho detto di no. Mi ha preso la mano costringendomi a toccarlo, e mi ha detto ‘guarda come mi fai diventare’ facendomi sentire la sua erezione”.

Il racconto della violenza sessuale subita continua: “Mi ha buttata sul letto, mi ha tolto i pantaloncini e ha iniziato a praticarmi sesso orale. Io continuavo a dirgli di no. Mi ha infilato le dita e io continuavo a dirgli no. Allora gli ho detto: i tuoi figli hanno la mia età, ma lui mi si è messo sopra e mi ha penetrato. In quel momento qualcuno ha bussato alla porta e io sono riuscita ad uscire dalla stanza”.

Fardin spiega poi nel video: “Grazie a chi ha parlato prima oggi riesco a parlare e quando l’ho detto, ho trovato moltissime persone ch sono state disposte ad accompagnarmi e a prendersi cura di me”. Online è cominciato a girare il nome del 45enne accusato dello stupro della ragazza (nome che Fardin online non ha fatto). Si tratterebbe di Juan Darthes che ne Il Mondo di Patty interpretava il padre della protagonista. Il video d’accusa dell’attrice si conclude poi con il lancio dell’hashtag che riecheggia il #Metoo: #MiraComosNosPonemos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le Iene, i terrappiattisti contro l’astronauta Umberto Guidoni: ecco cosa è successo

prev
Articolo Successivo

Isabella Ferrari: “La scena di sesso con Nanni Moretti è il mio primo risultato su YouTube? Io la eliminerei per sempre”

next