SAN PIETROBURGO, 3 APRILE 2017
Un kamikaze, identificato come il cittadino russo Akbarzhon Jalilov nato in Kirghizistan, si fa esplodere nella metro di San Pietroburgo, la seconda città più grande della Russia. Il bilancio è di almeno 14 morti.

STOCCOLMA, 7 APRILE 2017
È di cinque morti e 15 feriti il bilancio dell’attacco avvenuto a Stoccolma, dove un camion ha investito i passanti sulla Drottninggatan, la principale via pedonale della città

MANCHESTER, 22 MAGGIO 2017
Un kamikaze si fa esplodere a Manchester al termine del concerto della cantante americana Ariana Grande nella Manchester Arena, causando la morte di 22 persone (oltre all’attentatore), soprattutto giovani.

LONDRA, 3 GIUGNO 2017
Un van bianco investe pedoni a London Bridge circa alle 22 ora locale; poi tre uomini escono fuori dal van e accoltellano persone nei pressi di Borough Market. La polizia ha fatto sapere che i tre, successivamente uccisi, indossavano falsi giubbotti esplosivi. Il bilancio è di otto morti e 48 feriti.

LONDRA, 19 GIUGNO 2017
Un van piomba sui pedoni all’uscita dalla moschea di Finsbury Park a Londra, dopo la preghiera serale del Ramadan, provocando un morto e 10 feriti. L’autore dell’attentato è stato identificato come Darren Osborne, britannico. Pare che prima dell’attacco abbia gridato: ‘Ucciderò tutti i musulmani’.

INDIETRO

Attentati, sei anni di terrore in Europa: da Tolosa a Charlie Hebdo, da Londra al mercatino di Natale di Berlino

AVANTI

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strasburgo, spari al mercatino di Natale. “Due morti, 11 feriti”. L’attentatore in fuga: è asserragliato, conflitto a fuoco

next
Articolo Successivo

Argentina, maggiori libertà ai poliziotti: “Possono sparare senza aver intimato alt o se presumono che sospetto sia armato”

next