Questa mattina Amnesty International ha presentato il volume “La situazione dei diritti umani nel mondo. Il 2018 e le prospettive per il 2019” (Infinito Edizioni). È stata l’occasione, nel 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, per fare il punto sullo stato di salute dei diritti umani nell’anno che sta per finire e per riaffermare i principi ispiratori del testo del 1948.

Quei principi – ossia che i diritti sono innati, universali e indivisibili – sono sempre più messi in discussione da una visione secondo la quale i diritti si devono “meritare”, che non ci sono per tutti e che non spettano a tutti.

La Dichiarazione promuoveva l’idea che i diritti fossero interdipendenti, ossia che i diritti di ciascun individuo si realizzassero attraverso la realizzazione dei diritti degli altri: tutti i diritti per tutti non era un’utopia ma il disegno di una società nella quale la democrazia, l’uguaglianza, la giustizia sociale si rafforzassero proprio mediante i diritti.

Oggi a quel disegno si contrappone una teoria tetra: che i diritti delle maggioranze si rafforzino sottraendo diritti alle minoranze. Il decreto Sicurezza di recente approvazione è figlio di quella teoria, ne è la messa in pratica.

L’anno prossimo marcherà un’altra importanze scadenza: i 40 anni della Convenzione internazionale per l’eliminazione di ogni forma di violenza contro le donne.

Sono proprio le donne le protagoniste del rapporto di Amnesty International: bersaglio di un discorso pubblico misogino (soprattutto sui social), prese di mira da leggi o proposte di legge regressive, attaccate doppiamente quando difendono i diritti (esattamente perché li difendono e perché “non stanno al loro posto”), a milioni sono scese in piazza in ogni parte del mondo. Tante di loro sono finite in carcere, come ad esempio in Arabia Saudita e Iran, se non addirittura assassinate.

Questa mattina, alla conferenza stampa di presentazione de “La situazione dei diritti umani nel mondo”, è stata lungamente ricordata Marielle Franco, la difensora dei diritti umani uccisa a Rio de Janeiro il 14 marzo. La sua compagna Mônica Benício e la sua assistente Fernanda Chavez ci hanno ricordato cosa voglia dire difendere i diritti umani delle minoranze e dei più vulnerabili in un paese come il Brasile. Che dal 1° gennaio avrà come presidente Jair Bolsonaro. Uno di quelli che sostiene che i diritti non spettano a tutti. Un nemico dichiarato dei diritti umani e della Dichiarazione che, 70 anni fa, alimentò le speranze di tanti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mikhail Popkov condannato al secondo ergastolo: ha ucciso 77 donne. È il serial killer più sanguinario della storia russa

next
Articolo Successivo

I gilet gialli hanno fame? Purtroppo per Macron anche i croissant costano troppo

next