Sono di nazionalità egiziana i cinque presunti scafisti del barcone arrivato sabato sera nel porto di Pozzallo, nel Ragusano, con 264 migranti a bordo, quasi tutti eritrei. I sospettati sono stati fermati dalla polizia con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I cinque fermati hanno tra i 19 e i 31 anni. La Squadra Mobile di Ragusa è arrivata alla loro identificazione dopo aver ascoltate le testimonianze di chi era a bordo.

Ascoltati dalla polizia, i migranti hanno dichiarato di aver pagato ciascuno 1.500 euro per raggiungere l’Italia, per un incasso complessivo intorno ai 400mila dollari. Sui cinque sono stati eseguiti rilievi da parte della polizia scientifica della Questura di Ragusa. Gli scafisti avevano diversi ruoli a bordo, dal comandante al motorista.

Tra i migranti a bordo moltie donne e bambini. cui gli scafisti hanno negato cibo e acqua durante la traversata. Solo prima della partenza un pezzo di pane e formaggio. La loro permanenza nelle connection house libiche è durata oltre un anno. I migranti sono ora ospitati presso l’hotspot di Pozzallo per essere visitati e identificati. È stato accertato che nessuno degli sbarcati era mai stato identificato in Italia.

“Gli scafisti in questi casi sono veri e proprio professionisti – dicono gli investigatori – assoldati dai libici con i quali stringono rapporti di lavoro, tanto da curare solo l’aspetto del viaggio ma non quello del reclutamento in Libia dei diversi passeggeri”. Dall’inizio dell’anno sono 38 i fermati, tra cui un minore, su 3.800 migranti sbarcati a Pozzallo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lega, attesa per la sentenza d’appello a Genova: la truffa per il 2008 prescritta

prev
Articolo Successivo

Eutanasia, le ingerenze della Chiesa continuano. Forse è giunto il momento di rivedere il Concordato

next