Una fellatio al cinema per Pierluigi Battista. È il cameo del momento. Quello del giornalista del Corriere della sera in Cosa fai a Capodanno? La black comedy non proprio riuscita, opera prima dello sceneggiatore di Perfetti sconosciuti, Filippo Bologna, che abbiamo stroncato qui, ha però un’apparizione fugace e muta dell’autore del memorabile I conformisti – Estinzione degli intellettuali in Italia.

Battista appare infatti al minuto 19 del film sbucando in primo piano, con cappelletto da montanaro e viso sofferente, seduto dentro una Panda rossa. Uno dei protagonisti del film, ovvero uno dei due garzoni che devono portare un catering di pesce fresco nello chalet dove si dovrebbe festeggiare San Silvestro al ritmo dello scambismo più sfrenato, si avvicina alla Panda chiedendo indicazioni stradali. In controcampo Battista lo osserva con un’intensità degna del miglior metodo Stanislavski, fino a quando il suo silenzio è rotto dal riemergere da una signora che gli stava evidentemente praticando sesso orale e che entusiasticamente risponde al garzone. Battista rimane lì, catatonico, malinconicamente felice. “Io come Buster Keaton dico tutto con l’espressione del viso: all’inizio sembro estasiato, poi mostro disappunto e poi un certo desiderio che quell’interruzione termini il prima possibile”, ha raccontato Battista a Un giorno da pecora. “Perché il regista ha scelto me? Diceva che avevo la faccia giusta per quella scena”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello, la madre di Giulia Salemi fa un rito propiziatorio per far innamorare Monte. Come? Mescola una sigaretta di lui, dei capelli di lei e dei peli pubici di Cecilia Rodriguez

next
Articolo Successivo

Making a Murderer 2: la verità su Steven Avery nelle mani di Kathleen Zellner, avvocatessa caterpillar

next