Era rinchiusa all’interno della sua camera da letto, in avanzato stato di decomposizione, in mezzo a rifiuti di ogni genere, mobili rotti e bottiglie vuote. La scoperta è stata fatta dagli agenti del commissariato di Olbia, intervenuti insieme alla polizia locale e ai vigili del fuoco, avvertiti da un dirimpettaio allertato dal cattivo odore che proveniva dall’abitazione. La donna, Maria Antonia Sanna, 67enne originaria di Monti, era coperta da un pesante piumone e, dalle prime ricognizioni del medico legale, sembra che fosse morta da almeno sei mesi. L’autopsia disposta dal magistrato chiarirà le cause del decesso. Sul corpo non ci sarebbero comunque segni di violenza.

Insieme all’anziana donna viveva il figlio, Davide Derosas, operaio 43enne, che dopo essere stato rintracciato dagli agenti è stato interrogato dal magistrato di Tempio Pausania. Trasferito nel reparto di psichiatria, l’uomo resterà sotto osservazione per almeno 48 ore. Contro di lui al momento non sarebbe stato preso alcun provvedimento.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riace, reportage dal paese senza più migranti: “Rischio che torni borgo fantasma. Abbiamo già chiuso scuole e negozi”

next
Articolo Successivo

Resistenza, addio al partigiano “Eros”: lo storico presidente dell’Anpi di Treviso

next