Lo scioglimento dei ghiacci antartici farà salire il livello degli oceani, ma contemporaneamente impedirà il riscaldamento eccessivo dell’atmosfera. Buona parte del calore sarà, infatti, catturata dai mari. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Nature, da un gruppo dell’Università americana dell’Arizona, coordinato da Ben Bronselaer.

Secondo gli autori, gli attuali modelli climatici non descrivono in modo completo gli effetti dello scioglimento dei ghiacci dell’Antartide sul clima globale, ma solo le conseguenze sul livello dei mari. “Il riscaldamento dell’atmosfera non sarà così rapido come immaginavamo, lo stesso non si può dire per l’innalzamento del livello dei mari, che entro il 2.100 potrebbe essere superiore di circa 25 centimetri rispetto alle stime attuali”, ha detto Bronselaer. Gli autori hanno modificato uno dei modelli climatici più usati in queste ricerche, introducendo la variabile legata allo scioglimento dei ghiacci antartici. Il risultato è stato un “rallentamento del riscaldamento globale, con le temperature che saliranno di 2 gradi intorno al 2.065, anziché nel 2.053, come indicano gli attuali modelli”, ha aggiunto Bronselaer. Lo studio indica che l’acqua liberata dai ghiacci che si sciolgono agisce come una sorta di coperchio sui mari antartici, rallentando la liberazione di calore in atmosfera. Il nuovo modello mostra anche un cambiamento delle precipitazioni legato allo scioglimento dei ghiacci dell’Antartide. “Le piogge tropicali – ha concluso Bronselaer – si sposteranno sempre più verso l’emisfero settentrionale“.

L’abstract su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incendi in California, tutti che gridano al colpevole. Peccato sia quello sbagliato

next
Articolo Successivo

Inceneritori, quello di Copenaghen non produce solo vapore acqueo. Lo dice la stessa azienda: “Emissioni al minimo”

next