Il sindaco “sospeso” di Riace, Mimmo Lucano, è stato sentito ieri pomeriggio dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria. Non come indagato ma come persona informata sui fatti. L’indagine, della quale ancora non si conoscono i particolari, nasce infatti dagli esposti e dalle segnalazioni che lo stesso sindaco ha presentato più volte in Procura a Reggio. L’interrogatorio è durato oltre tre ore durante le quali Lucano ha risposto a tutte le domande poste dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo.
Lucano è ancora sottoposto al divieto di dimora perché indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina dalla Procura di Locri che gli contesta anche la cattiva gestione del fondi per l’accoglienza.
Nei giorni successivi alla misura cautelare, il ministero dell’Interno ha revocato i finanziamenti per lo Sprar di Riace. Provocatoriamente, sul punto, Lucano replica: “Hanno chiuso troppo tardi Riace. Perché Riace ha dimostrato che è possibile fare accoglienza”.
Il sindaco replica anche Marco Minniti che, nei giorni scorsi, durante la trasmissione Nemo ha dichiarato “Io sto con Riace”. “È inutile che adesso lo dica. Ma come lui era ministro dell’Interno e non ha mai detto una parola. Avrebbe potuto fare molto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scanzi: “Insulti M5s a giornalisti? Ricordo editto bulgaro di Berlusconi e professionisti fuori dalla Rai con Renzi”

prev
Articolo Successivo

Bertinotti: “Il capitalismo è il problema della modernità, Karl Marx è risorto”: a teatro “La storia a processo”

next