È testa a testa in Francia nelle intenzioni di voto per le elezioni europee del prossimo maggio tra il Rassemblement national e La République en marche, con il partito di Marine Le Pen in vantaggio rispetto a quello del presidente Emmanuel Macron. Secondo un sondaggio Elabe condotto per Bfmtv, il RN di Le Pen, alleata del vicepremier Matteo Salvini, raccoglie il 20% del consenso, con un aumento dello 0,5% rispetto a maggio scorso, contro il 19,5% di LaREM, in calo di 4,5 punti. In terza posizione, la destra repubblicana, stabile al 15%, davanti alla France Insoumise (la sinistra alternativa di Jean-Luc Mélenchon), che guadagna un punto salendo all’11%. Seguono diversi partiti, tra cui Europe Ecologie-Les Verts, al 7%, a pari merito con il Partito Socialista. E un altro sondaggio pubblicato in serata dal medesimo istituto vede crollare al 27% l’indice di popolarità di Macron: è il livello più basso dall’inizio del suo mandato all’Eliseo.

Dopo il caso Benalla e il difficile rimpasto seguito alle dimissioni a catena di diversi ministri, tra cui Nicolas Hulot (Ambiente) e Gérard Collomb (Interni), le cose non sembrano migliorare per il presidente europeista. Sono ormai cronaca quotidiana le espressioni di collera suscitate dalle politiche messe in campo da Parigi, dal taglio delle pensioni all’aumento delle tasse sul diesel e gasolio. Una decisione, quest’ultima, che infiamma i cosiddetti “gilets jaunes” determinati a bloccare strade e autostrade nella manifestazione nazionale indetta per il 17 novembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Europee 2019, Manfred Weber sarà il candidato del Ppe: “Avremo la maggioranza all’europarlamento”

next
Articolo Successivo

Manovra, la Ue difende se stessa. Tirarla per le lunghe potrebbe aggravare i costi per l’Italia

next