La riforma della prescrizione secondo il ministro Bongiorno sarà “in vigore dopo l’approvazione della riforma del processo penale”, mentre per il ministro Fraccaro: “anche se dovesse cadere il governo la prescrizione entrerà in vigore comunque dal primo gennaio 2020“. Luigi Di Maio, ai microfoni del Fatto.it, spiega: “La riforma della prescrizione entra nel ddl anticorruzione che noi approviamo verosimilmente verso gennaio del 2019 e da quel momento parte il timer, cioè dopo un anno la prescrizione entra in vigore ma è già legge dello Stato. Non c’è qui un discorso di entrata in vigore indipendentemente dal disegno di legge di riforma del processo penale, perché come noi abbiamo detto – prosegue il vicepresidente del Consiglio – il ministro Bonafede si mette a lavoro sulla riforma del processo penale che serve per ridurre i tempi della giustizia. Le due cose sono due leggi separate: una viene approvata a gennaio 2019 con la prescrizione che entra in vigore da gennaio 2020 e un’altra, durante il 2019 l’approviamo. Non c’è bisogno di creare competizione perché noi vogliamo la riforma del processo penale, ma vogliamo anche la riforma della prescrizione, che è una nostra grande battaglia che portiamo a casa oggi”.

Visto che lei ha sostenuto che ‘il diavolo si annida nei dettagli’ che la prescrizione entrerà in vigore a prescindere dalla riforma del processo penale, verrà specificato nel ddl anticorruzione? “No, proprio perché la riforma della prescrizione diverrà legge nel ddl anticorruzione le due cose fanno parte dell’accordo politico. Poi ci sarà la legge delega che partirà verosimilmente dal Senato e che si occuperà della riforma del processo penale. La delega si concretizzerà – assicura Di Maio – perché abbiamo preso un impegno e io quando prendo un impegno lo porto a termine”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sergio Mattarella: “Non tarare economia su orizzonti interni. Rischioso fare calcoli di breve periodo”

prev
Articolo Successivo

Dopo lo show in Senato, Puglia (M5s) si difende: “Io mi emoziono sempre, non sono né pazzo né fuori di testa”

next