La legge di Bilancio è pronta. Ottenuta la bollinatura della Ragioneria generale dello Stato, in serata il provvedimento in cui il governo M5s-Lega delinea tutto ciò che ha intenzione di fare in campo economico nel 2019 ha ricevuto dal Quirinale il via libera per la presentazione alle Camere. La prima tappa sarà a Montecitorio e la strada è tracciata: il 21 e 22 novembre si partirà in Commissione e il 29 e 30 in testo approderà in Aula.

Rispetto alle versioni circolate nelle ultime settimane, una novità sostanziale riguarda le Regioni: quelle che non taglieranno i vitalizi di presidenti e consiglieri vedranno ridotti dell’80% i trasferimenti da Roma, senza che vengano tuttavia toccati i fondi a Sanità, scuole per disabili e altri servizi essenziali. Già nella bozza di martedì era previsto un taglio del 30% sulle somme eccedenti che riguardano i servizi essenziali. Dopo il taglio dei vitalizi al Senato, era stato lo stesso Luigi Di Maio ad annunciare che si sarebbe proceduto con le Regioni.

La questione vitalizi è stata affrontata nel testo all’articolo 75: “Riduzione dei costi della politica nelle Regioni a statuto speciale, ordinario e nelle province autonome”, si legge. Nella bozza, che l’agenzia Adnkronos ha potuto leggere, testualmente si prevede che “ai fini del coordinamento della finanza pubblica e per il contenimento della spesa pubblica, a decorrere dall’anno 2019, una quota pari all’80 per cento dei trasferimenti erariali a favore delle Regioni e province autonome, diversi da quelli destinati al finanziamento del Servizio sanitario nazionale, delle politiche sociali e per le non autosufficienze e del trasporto pubblico locale” è erogata a condizione che “le Regioni a statuto speciale, ordinario e le province autonome” entro “quattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, ovvero sei mesi qualora occorra procedere a modifiche statutarie, provvedano a rideterminare, ai sensi del comma 2, la disciplina dei trattamenti previdenziali e dei vitalizi già in essere in favore di coloro che abbiano ricoperto la carica di presidente della regione, di consigliere regionale o di assessore regionale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto fisco, M5S chiede le dimissioni del capo di Gabinetto. Ma il ministro Tria difende lui e la norma per la Croce Rossa

next