Botta e risposta tra il vicepremier Luigi Di Maio e Oscar Giannino, in diretta su Radio 24. Al centro dell’intervista il tema della manovra economica. “Io non credo che si debba parlare di cambiare la manovra sul tema del 2,4% del deficit – ha ribadito Di Maio –  per due ragioni: uno perché manteniamo le promesse, due perché siamo uno stato sovrano, dove il Parlamento decide cosa portare avanti e cosa no”.  Affermazioni a cui ha risposto Giannino: “Ma se lei dice così, significa che le regole europee non valgono più. Quindi bocciatura e spread”. Di Maio ha ripetuto che “non c’è nessuna volontà” di uscire dall’Euro. La discussione tra i due poi è andata avanti sui tema del deficit ereditato dai governi precedenti, del lavoro e degli investimenti per la crescita. E infine sulle misure previste per la ricostruzione delle abitazioni distrutte dal terremoto a Ischia. “Lei aveva detto che se mai avesse approvato condono si sarebbe iscritto al Pd – ha detto Giannino al ministro – quindi si iscriverà al Pd?”. “Si iscriva lei al Pd” ha tagliato corto Di Maio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, Di Maio: “2,4% non cambierà, siamo uno Stato sovrano”. Conte: “Se spread resta alto è un problema”

prev
Articolo Successivo

Auschwitzland, la telefonata del finto camerata a Selene Ticchi: “Maglietta choc? Non sono pentita”

next