L’ex vicepremier britannico Nick Clegg è il nuovo direttore degli affari globali e della comunicazione di Facebook. Una nomina che ha colto tutti di sorpresa e che arriva in un momento difficile per il social network di Mark Zuckerberg, che si trova ad affrontare un crescente numero di problemi sulla protezione dei dati, oltre alla minaccia di maggiori regole da parte dei governi. Classe 1967, Clegg non è stato solo ex vice primo ministro alla guida dei Liberal democratici nella coalizione con i conservatori di David Cameron tra il 2010 e il 2015, ma è anche ex negoziatore commerciale della Commissione europea e membro del Parlamento europeo. Il suo arrivo nella Silicon Valley è atteso per gennaio, quando prenderà il posto di Elliot Schrage. Secondo il Financial Times, Clegg ha accettato il lavoro dopo mesi di corteggiamento da parte di Zuckerberg, che gli ha assicurato un ruolo centrale nel definire la strategia della società.

Facebook “è impegnata in un viaggio che comporta nuove responsabilità non solo per gli utenti delle app di Facebook ma anche per la società. Mi auguro di essere in grado di giocare un ruolo di sostegno all’azienda durante questo viaggio”, ha scritto in un post sui social in cui annuncia la nomina. “Le sfide che abbiamo sono serie e chiare e ora più che mai abbiamo bisogno di nuove visioni per aiutarci in questo periodo di cambiamento”.

Non è la prima volta che un colosso hi tech assume un politico. Lo hanno già fatto Google e Uber. Google nel 2016 ha assunto Caroline Atkinson, ex consigliere economico del presidente Barack Obama. Nel 2015 Uber ha assunto Jill Hazelbaker, ex responsabile della comunicazione della campagna per la rielezione di Michael Bloomberg a sindaco di New York e ex della campagna presidenziale di John McCain.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, la Lega contro Fazio: “Non porti in tv Mimmo Lucano. Divulga modelli distorti”

prev
Articolo Successivo

Donatella Di Cesare sul Corriere mi accusa di tutto. La mia risposta al suo poco socratico articolo

next