Promuove il colloquio con la ministra Elisabetta Trenta. Boccia, invece, quello con il comandante generale dei carabinieri, Giovanni Nistri. A ventiquattro ore dal faccia a faccia, Ilaria Cucchi commenta l’incontro al ministero della Difesa. “Le mie aspettative non sono andate deluse”, dice la sorella di Stefano Cucchi riferendosi al colloquio con la ministra. Ilaria ha spiegato che ha preferito non intervenire direttamente dopo l’appuntamento di ieri e sta parlando oggi all’Associazione Stampa Estera. L’unica a parlare con i giornalisti era stata Trenta sostenendo fosse una “scelta concordata tra tutti” e un “segnale di unità che vogliamo dare”.

E invece per la sorella di Stefano Cucchi è stato deludente il confronto con il numero uno dell’Arma. “Dal generale Nistri mi sarei aspettata non dico delle scuse, perchè avrebbe potuto essere per lui troppo imbarazzante, ma certo non 45 minuti di sproloquio contro Casamassima, Rosati e Tedesco, gli unici tre pubblici ufficiali che hanno deciso di rompere il muro di omertà nel mio processo”, ha raccontato. Riccardo Casamassima e la moglie, Maria Rosati, sono i due carabinieri che con le loro dichiarazioni hanno permesso la riapertura del processo. Davanti ai giudici avevano raccontato di avere subito conseguenze sul lavoro per avere parlato del pestaggio di Cucchi. Vicende che Casamassima ha ripercorso in un’intervista al fattoquotidiano.it. Francesco Tedesco, invece, è uno degli imputati del procedimento in corso: dopo aver  accusato del pestaggio di Cucchi i coimputati Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro si è trasformato in un testimone chiave.

Secondo la ministra Trenta, il comandante Nistri “non ha portato avanti alcun sproloquio e non ha manifestato nei confronti di nessuno pregiudizi punitivi”. “Ero presente – ha scritto in un post su Facebook – se lo avesse fatto sarei intervenuta! Semplicemente, ha rimarcato l’obbligo per tutti i gradi al rispetto delle regole, il che rientra nelle sue prerogative di Comandante”. Trenta sottolinea poi: “Non sto offrendo una mia personale interpretazione dei fatti. Sto raccontando solo quel che è successo. Se c’è stata una incomprensione non trapelata durante l’incontro mi spiace, poiché la natura stessa dell’incontro era quella di favorire un confronto aperto e trasparente”.  “Ieri – ha aggiunto il ministro – nelle dichiarazioni alla stampa, mi sono commossa. Sento forte la responsabilità di questa vicenda, anche se sono ministro da pochi mesi. E vorrei che questo senso di responsabilità fosse condiviso. In modo umano”.

Per Ilaria Cucchi, invece, “in un processo dove stanno emergendo gravissime responsabilità, siamo sicuri che vi sia proprio adesso una insopprimibile esigenza di punire proprio coloro che hanno parlato? Questo processo io, Fabio e la mia famiglia lo abbiamo fortissimamente voluto e ora il generale vuole colpire tutti coloro che hanno parlato”. Secondo la sorella del geometra romano, “danno peso ai post di Casamassima ma non ci difendono da quelli infamanti e violenti partoriti da pagine di Facebook e troll in gran parte gestiti da appartenenti a polizia e carabinieri. Ho chiesto aiuto, per questi, alla ministra Trenta che si è dimostrata molto sensibile. Non voglio odio ma solo verità e giustizia”.

Dopo la sua deposizione, infatti, Casamassima è stato trasferito e demansionato. Una scelta che l’Arma ha motivato con i procedimenti disciplinari aperti in precedenza sul militare. In un’intervista al Fatto Quotidiano Nistri ha dichiarato: “Casamassima ha fatto il suo dovere testimoniando la verità. Ma se in altri casi ha avuto comportamenti sanzionabili non possiamo ignorarli”. Intanto oggi il Municipio VIII ha approvato l’atto definitivo per una strada a Stefano Cucchi. L’intitolazione sarà possibile ottobre 2019 (devono passare 10 anni) ma non servono altri passaggi formali, se non l’individuazione della strada.

Ed è stata anche la giornata in cui il luogotenente Massimiliano Colombo, il comandante della Stazione Tor Sapienza indagato per falso ideologico nell’ambito del nuovo filone legato alla morte di Cucchi, è comparso davanti ai magistrati. Il carabiniere è stato interrogato per oltre sette ore dal pm Giovanni Musarò alla presenza del capo della squadra mobile di Roma, Luigi Silipo. Colombo è stato tirato in ballo dal carabiniere scelto Francesco Di Sano che nel corso del processo a carico di altri cinque carabinieri, tra cui Francesco Tedesco che ha ammesso con i pm di avere assistito al pestaggio di Cucchi, ha dichiarato di aver dovuto, dopo un ordine gerarchico, modificare il verbale sullo stato di salute di Cucchi quando fu portato alla Stazione di Tor Sapienza proveniente dalla caserma Casilina. L’indagato, assistito dall’avvocato Antonio Buttazzo, potrebbe avere fornito elementi sulla scala gerarchica da cui è partito l’ordine. Sul punto gli inquirenti potrebbero avere mostrato al militare dell’arma una serie di mail sequestrate dal suo server nel corso della perquisizione svolta alcuni giorni fa.

Ha collaborato Vincenzo Bisbiglia