Amadou Jawo, un immigrato 22enne originario del Gambia si è suicidato, impiccandosi al cornicione della casa dove viveva con altri connazionali a Castellaneta Marina, in provincia di Taranto. Il giovane viveva in Italia da due anni e alcuni giorni fa gli era scaduto il permesso di soggiorno: secondo l’associazione Babele, “aveva avuto il diniego” alla domanda di asilo politico e proprio per questo si sarebbe ucciso. “Non poteva più restare in Italia. Desiderava tornare in Africa, ma temeva di essere additato come fallito e si vergognava. Ha pensato di non avere scelta”, ha fatto sapere l’associazione che ha denunciato l’accaduto.

Babele sta raccogliendo donazioni con appelli diffusi anche tramite i social network “per riuscire a riportare la sua salma nel villaggio del Gambia in cui viveva”. “Servono in pochi giorni – viene spiegato – circa 5mila euro per pagare l’agenzia funebre che si occupa dello spostamento”. Il 22enne era stato prima in una struttura di accoglienza nel leccese e poi si era trasferito a Castellaneta Marina: inutili tutti i tentativi del 118 di rianimarlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

AfroNapoli, la società incontra la capitana esclusa perché candidata con Salvini: “Lavoriamo per trovare una soluzione”

prev
Articolo Successivo

Roma, padre migrante non paga la mensa Il nome della bambina di 9 anni finisce sull’Albo pretorio

next