Dopo i lupi e gli orsi, tra gli animali “in eccesso” nel Parco dello Stelvio ci sono anche i cervi. Ad annunciarlo è la stessa provincia di Bolzano, che ha deciso di aprire la caccia. “Il periodo di prelievo dei cervi nel parco 2018/19 prenderà il via lunedì prossimo 15 ottobre e si concluderà il 16 dicembre”, si legge in un comunicato. L’obiettivo, spiega la nota, è quello di “ridurre la densità della popolazione di questi animali, per ricomporre gli equilibri ecologici e prevenire l’impatto sull’attività agricola e sulla rinnovazione del bosco”.

Le associazioni animaliste, però, si sono subito dichiarate contrarie al provvedimento. “Intervento crudele e controproducente, ennesimo regalo ai cacciatori! #Bastasparare”, ha commentato su Twitter la Lega anti vivisezione.

 

“L’uccisione dei cervi, oltre ad essere un atto inutile e di violenza inaudita, avrà come effetto secondario quello di costringere i lupi a rivolgersi verso altre prede, che potrebbero proprio essere gli animali domestici che pascolano in alpeggio”, ha continuato la Onlus, in un comunicato stampa. Coinvolte nel programma di abbattimento, stabilito in base alle  direttive dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra),  saranno solo due unità di gestione, la Media Venosta-Martello e Gomagoi-TubreLa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendi, arrestato il piromane della Gallura. “L’ho fatto per lavorare con voi. Volevo fare il pompiere, non mi presero”

next
Articolo Successivo

Biometano, meno gas serra e più rifiuti “utili” per produrre energia. “Risorsa per l’economia circolare”

next