“Per la prima volta si parla di Trattativa Stato-mafia in Parlamento, un buon segnale di cambiamento. Ora sarebbe bene che la politica smetta di dare le pagelle ai giornalisti”. Così Marco Travaglio, direttore de “Il Fatto Quotidiano“, al convegno sul giornalismo d’inchiesta organizzato a Montecitorio e dedicato alla giornalista Daphne Caruana Galizia – a un anno da un attentato i cui mandanti sono ancora ignoti –  ed alla sua battaglia contro la corruzione. “Perché tanta reticenza, tanto silenzio, nel parlare della Trattativa Stato-mafia? Prevedibile il silenzio della politica, ma la domanda riguarda il giornalismo“, ha rivendicato Travaglio. E ancora: “Se parte della magistratura ha scritto in questo caso, per questo processo, una pagina molto luminosa, per la corporazione dei giornalisti è stata una pagina nera”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Maria Elena Boschi, ho comprato Maxim e sono rimasto deluso. Non da lei ma dall’ipocrisia delle foto

next
Articolo Successivo

Di Maio: “Esuberi nei giornali del gruppo Espresso perché alterano realtà”. Il cdr: “Non sa differenza tra bufale e notizie”

next