Dorato, succulento e circondato dalle immancabili patate: a chi non piace il pollo arrosto? È uno dei piatti tradizionali della cucina italiana, protagonista dei pranzi domenicali delle nonne, capace di generare dispute e discussioni in tavola tra i commensali che – puntualmente – si contendono l’ala o la coscia. La sua versione allo spiedo non manca mai in rosticceria e spesso è la soluzione perfetta per le situazioni di emergenza (ospiti all’ultimo minuto, rientro serale in ritardo, pranzo in vacanza, ecc.) ma si può ottenere un risultato altrettanto gustoso anche cucinandolo in casa. Basta seguire i giusti accorgimenti e, perché no, fare qualche piccola variazione alla ricetta classica. Ecco quali sono.

1_Scegliere bene il vostro pollo
Sembra banale ma invece è fondamentale. La comodità di trovarlo pronto da mettere in padella al supermercato, mentre siete già lì per fare la spesa, è insuperabile però se volete che il vostro pollo arrosto sappia veramente di qualcosa è meglio lasciar perdere e fare lo sforzo di prenderlo dal macellaio. O quantomeno scegliere un animale allevato in modo biologico. La differenza in termini di gusto è considerevole e ve ne accorgerete anche voi.

Pollo arrosto day, ecco i trucchi per prepararne uno perfetto

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Abruzzo, il mio viaggio tra lettere d’amore e librerie

prev
Articolo Successivo

Birra a rischio estinzione? Non è vero. E a preoccupare i produttori non è certo il clima

next