4_Decidere bene come cuocerlo

Il pollo arrosto per antonomasia deve cuocere al forno. Preriscaldate quindi il vostro forno in modalità statica a 220° e solo una volta a temperatura infornate l’arrosto. Il segreto è rosolarlo bene su tutti i lati: il petto, più veloce a cuocersi, dovrà essere messo rivolto verso il basso per almeno i primi 40 minuti e girato poi solo alla fine, così che la pelle diventi uniformemente dorata. Poi sta a voi decidere se cuocere il vostro pollo intero o a pezzi. I più tradizionalisti lo vogliono trionfalmente intero, chi invece preferisce accorciare (di poco) i tempi di cottura o mangiare solo alcuni tagli (generalmente coscia, ala e sottocoscia senza il petto) allora opta per i singoli pezzi. In ogni caso, è importante scegliere una teglia dai bordi medio-bassi. Piccola trasgressione alla regola: se proprio siete di fretta, è concessa anche la cottura in padella, che vi farà guadagnare 20 minuti buoni, soprattutto se il pollo è a pezzetti.

INDIETRO

Pollo arrosto day, ecco i trucchi per prepararne uno perfetto

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Successivo

Birra a rischio estinzione? Non è vero. E a preoccupare i produttori non è certo il clima

next