Nel corso del settimo ‘Global Forum sulla Democrazia Diretta’ che si è svolto a Roma, il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio e il ministro per i rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta, Riccardo Fraccaro hanno annunciato l’impegno “entro maggio del prossimo anno l’introduzione dei referendum propositivi e il taglio del numero dei parlamentari”. Obiettivo ambizioso visto i tempi ristretti e l’obbligo vigente di uno stop dei lavori tra la prima e la seconda lettura per i testi di riforma Costituzionale. Ma i ministri pentastellati assicurano l’obiettivo: “Conosciamo la determinazione sull’argomento dei nostri parlamentari” dichiara Fraccaro. Poche, anzi nessuna speranza invece per le sedici proposte di legge d’iniziativa popolare già depositate nel corso della precedente legislatura. “Quella è una regola che appartiene al passato. Le sedici ereditate creerebbero un’intasamento” ha sentenziato Fraccaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

M5s, Di Maio aggancia cervello in fuga in Usa per la riforma dei centri per l’impiego

next