Nel corso del settimo ‘Global Forum sulla Democrazia Diretta’ che si è svolto a Roma, il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio e il ministro per i rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta, Riccardo Fraccaro hanno annunciato l’impegno “entro maggio del prossimo anno l’introduzione dei referendum propositivi e il taglio del numero dei parlamentari”. Obiettivo ambizioso visto i tempi ristretti e l’obbligo vigente di uno stop dei lavori tra la prima e la seconda lettura per i testi di riforma Costituzionale. Ma i ministri pentastellati assicurano l’obiettivo: “Conosciamo la determinazione sull’argomento dei nostri parlamentari” dichiara Fraccaro. Poche, anzi nessuna speranza invece per le sedici proposte di legge d’iniziativa popolare già depositate nel corso della precedente legislatura. “Quella è una regola che appartiene al passato. Le sedici ereditate creerebbero un’intasamento” ha sentenziato Fraccaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

M5s, Di Maio aggancia cervello in fuga in Usa per la riforma dei centri per l’impiego

next