Il pube femminile raffigurato da Gustave Courbet nel dipinto “L’origine del mondo” è di Constance Quéniaux, ballerina dell’Opéra di Parigi. È la conclusione dello storico francese Claude Schopp, contenuta nel libro “L’Origine du monde, vie du modèle” che uscirà il prossimo 4 ottobre.

Una scoperta, anticipa Le Figaro, frutto del caso: studiando la corrispondenza tra Alexandre Dumas e la scrittrice George Sand, Schopp si è reso conto di un errore di trascrizione di un passo relativo a Courbet. Una parola trascritta come “interview” (“intervista”) era in realtà “intérieur” (interno), sinonimo di organi genitali. “Uno non dipinge col suo pennello il più delicato e sonoro interno della signorina Quéniaux dell’Opéra”, recita la frase. All’epoca del ritratto, la Quéniaux aveva 34 anni e non ballava più da sei.

Finora si era ipotizzato che la modella fosse l’irlandese Joanna Hiffernan, detta anche Jo l’Irlandese, che era stata amante del pittore. La Hiffernan era stata musa ispiratrice per diversi dipinti di Courbet, che le aveva dedicato la serie “Jo, la belle irlandaise”, realizzata fra il 1865 e il 1866. Ma è una teoria che ha sempre lasciato qualche dubbio, soprattutto perché i peli pubici nel dipinto sono scuri, mentre Joanna era di capigliatura rossa fiammeggiante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gubbio, un festival sui barbari di una volta e su quelli di casa nostra

prev
Articolo Successivo

Due libri per tentare di raccontare l’Opera

next