A lavorare la domenica nel settore del commercio “sono soprattutto le donne“, che rappresentano il 61,1% dei lavoratori domenicali rispetto a una quota media sul totale degli occupati del 47,8%. E’ quello che è emerso dall’audizione dell’Istat alla commissione Attività Produttive della Camera sulla disciplina degli orari di apertura degli esercizi commerciali. I lavoratori domenicali sono relativamente più giovani (il 42,9% ha meno di 35 anni) e, rispetto alla media del settore, sono più spesso precari. Il ricorso a contratti a tempo indeterminato (78,4%) e a tempo pieno (64,4%) resta prevalente, ma i tempi determinati sono il 21,6% rispetto al 16,2% nella media del commercio e quelli part-time il 35,6% rispetto al 27,9% medio.

L’istituto di statistica ha anche rilevato che nel decennio 2003-2014 la domenica risulta l’unico giorno in cui aumentano gli acquirenti, ma la crescita è contenuta (poco meno di due punti percentuali) e concentrata quasi esclusivamente nel periodo 2003-2009. In generale circa un quarto delle persone di 15 anni e più (24,2%) ha effettuato acquisti di beni e servizi nella giornata della domenica, quota più bassa rispetto agli altri giorni della settimana. Il sabato è il giorno con la più alta incidenza di acquirenti (51,9%), percentuale che scende al 43% nei giorni feriali. Complessivamente il 27% delle persone occupate, con una leggera prevalenza degli uomini (28,4%), effettua acquisti la domenica rispetto a circa il 51% del sabato, giornata preferita, invece, dalle donne (58,9%).

La lettura territoriale degli acquisti domenicali mostra che i residenti del Centro Italia, con il 25,6%, si collocano sopra la media nazionale, mentre la quota scende al 23,1% per gli abitanti del Mezzogiorno. Osservando, invece, le aree urbane emerge che sono soprattutto i residenti nel centro delle aree metropolitane (25,6%) a effettuare acquisti domenicali. Tra coloro che vivono nei comuni fino a 2.000 abitanti la quota scende al 21,6%.

Per quanto riguarda la concorrenza del web, il 32% della popolazione italiana tra i 16 e i 74 anni ha fatto acquisti online nell’arco dell’anno precedente l’indagine. Nonostante la crescita di 17 punti percentuali registrato negli ultimi 3 anni, il divario con i principali partner europei resta ampio. In Germania negli ultimi 12 mesi ha fatto acquisti online il 75% della popolazione, in Francia il 67% e in Spagna il 50%. La diffusione dell’uso di Internet rappresenta la precondizione affinché gli individui possano accedere ai servizi online, fra cui l’e-commerce. L’Istat stima che nel 2017 gli utilizzatori regolari del web fossero il 69% del totale, 10 punti percentuali in più rispetto a tre anni fa. Nell’insieme dei 28 paesi Ue, invece, tra il 2014 e il 2017 gli utenti sono saliti dal 75% all’81%. Il confronto con i grandi paesi europei mostra quindi la persistenza di un gap notevole: nel 2017 gli internauti regolari erano l’87% della popolazione in Germania, l’83% in Francia e l’80% in Spagna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, licenziata la pasionaria di Atac. Micaela Quintavalle: “Oggi sono lacrime, domani tornerò acciaio”

next
Articolo Successivo

Ricercatori: giovani, appassionati e precari

next