Liberi e Uguali presenterà due interrogazioni parlamentari, alla Camera e al Senato, per chiedere di fare chiarezza sul progetto di trasferimento delle facoltà scientifiche dell’Università statale di Milano nell’area che ha ospitato Expo, il parco tecnologico battezzato Mind. Lo ha annunciato Francesco Laforgia, senatore di LeU, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, promossa insieme al Movimento 5 Stelle e a ‘Milano in Comune’.

“Non condividiamo il metodo di questo trasferimento – ha spiegato – c’è una autonomia che l’Università deve esercitare rispetto a questa scelta”. Domani infatti, secondo quanto hanno spiegato gli attivisti del comitato Assemblea di Città studi, che si oppone al trasferimento, si riunirà il Cda della Statale “che dovrebbe esprimersi sulla predisposizione della documentazione per la gara di appalto per gestire il trasferimento – ha spiegato Davide Lo Prinzi, della Rsu dell’Università -. A cinque giorni dall’arrivo del nuovo rettore il Cda fa una delibera che vincolerà l’ateneo per i prossimi 30 anni, con un debito di circa 20 milioni di euro anno”. Secondo Laforgia “c’è stato un colpo di coda del rettore uscente”, Gianluca Vago, “che si è appropriato indebitamente di una scelta sul trasferimento di una parte della università. Per questo depositeremo un’interrogazione parlamentare al Miur, Mef e al ministero delle Infrastrutture per capire se effettivamente questa decisione può essere presa con queste modalità, noi riteniamo di no”. “Ci aspettiamo che il M5S che è al governo metta insieme le ragioni di questa battaglia sul territorio con il fatto di essere adesso una forza di governo”, ha concluso.

Alla stessa conferenza stampa ha preso parte anche il Movimento 5 Stelle con il senatore Gianluigi Paragone che ha criticato l’operazione: “non c’è alcun senso logico nell’operazione di trasferimento delle facoltà scientifiche dell’Università statale di Milano nell’ex area Expo”, il parco tecnologico Mind. L’operazione che vedrà la nascita di un nuovo campus, con il conseguente abbandono degli edifici attualmente occupati a Città Studi, “non è altro che una amputazione di un pezzo importante della città – ha aggiunto Paragone -. Non vorrei trovarmi tra un pò con i leghisti che faranno campagna elettorale sul fatto che quegli edifici poi verranno occupati abusivamente perché qualcuno occuperà quegli spazi”. Secondo il senatore pentastellato inoltre non è “chiara” la posizione del rettore uscente della Statale, Gianluca Vago, che “fa da consulente alla Regione su progetti strategici, tra cui questo”. Il dubbio “di trovarci davanti ad una speculazione è forte”, ha concluso.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Decreto dignità, Romano: “Questi del M5s sono cavallette”. Cremaschi: “Sei più a destra di questo governo”

next
Articolo Successivo

Ammortizzatori sociali, Di Maio: “Dannato il Jobs Act, chi lo ha fatto è assassino politico”. Renzi: “Vergognoso”

next