Il secondo appuntamento del talent show, prodotto da Fremantle e condotto da Alessandro Cattelan, ha visto le apprezzatissime performance di Camilla Musso, sedicenne di Asti che ha interpretato “La Notte dei Miracoli” di Lucio Dalla, facendo commuovere Mara e Asia fino alle lacrime, quella di Luna Melis, anche lei sedicenne, con “Bang Bang” di Dua Lipa, e diLeonardo Parmeggiani, 19 anni da Monteveglio (BO) con “Fly me to the Moon” di Frank Sinatra. Per tutti e tre standing ovation del pubblico. Ottima esibizione anche per Marco Anastasio, rapper di 21 anni da Meta di Sorrento, che con il suo flow e con i suoi testi è riuscito a trasmettere ai giudici la sua “esigenza di raccontarsi”.

Per Fedez è la miglior “penna” che fino ad oggi si è presentata ad X Factor. Manuel si ritrova a dover rivestire i panni di notaio, stila un “contratto” per far sì che Angelo Oliva, concorrente già presentatosi alla scorsa edizione, non ritorni più. E infine le parole di incoraggiamento di Mara davanti alla delusione della giovane Anna Boconcello di 19 anni, che interpreta ‘La luna bussò’ di Loredana Berté, che cerca di spiegarle l’importanza di ricevere dei no nella vita perché “un no non è niente mentre un sì sbagliato è peggio di un no giusto”.

Ai quattro giudici delle selezioni – Fedez, Mara Maionchi, Manuel Agnelli e Asia Argento – si è aggiunto come ospite della serata in veste di “quinto giudice” Lodo Guenzi , frontman de “Lo Stato Sociale”.

Da segnalare anche l’ascolto nei sette giorni della prima puntata di audizioni, in onda su Sky e TV8, ha raccolto nel complesso 4 milioni 420 mila spettatori medi, in linea con gli ascolti della stessa puntata del 2017.

Sui social X Factor è stato ieri il programma tv più commentato della serata con 298.700 interazioni complessive, di cui il 76% generate su Instagram.

Su Twitter l’hashtag ufficiale #XF12 con 6.588 citazioni è entrato nella classifica dei trending topic italiani e vi è rimasto fino a questa mattina. (Fonte Nielsen/ Trends24)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

La Vita in Diretta, “grande tensione tra Tiberio Timperi e Francesca Fialdini”. E anche l’auditel ne risente

next