Ore 18.28, stazione Termini, ritardi di 50 minuti e oltre, una calca infernale.

Sul cartellone ancora non è comparso il treno 8630 per Genova che sarebbe dovuto partire alle 18.27. Due minuti dopo compare la scritta binario 25, binario 25 che per chi conosce Termini sa quanto sia difficile da raggiungere soprattutto in situazioni di caos.

La scritta è accompagnata dalla luce che lampeggia, la gente comincia a farsi spazio tra altra gente. La luce continua a lampeggiare ma la speranza è che quel treno aspetti. Lungo il binario, persone anziane che corrono famiglie con bimbi piccoli centinaia di persone che corrono. Una scena da guerriglia.

Il treno non aspetta e parte dal binario 25 perché sui primi binari, quelli comodi a tutti, hanno messo regionali, tratte certamente minori rispetto a quello unico serale per Genova.

Il treno per Genova è partito vuoto perché chi aveva pagato per salirci lo stava rincorrendo sul binario.

[email protected]it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Totò Cuffaro relatore all’Ars. Miccichè: “La censura non mi appartiene”. Fava: “Ha diritto di parlare”

prev
Articolo Successivo

Roma, caos e ritardi sulle linee da e per la Capitale a causa del maltempo

next