Svolta sul tavolo Ilva. Dopo le polemiche di mercoledì tra sindacati e azienda ArcelorMittal, la trattativa si è sbloccata durante la notte. A rivendicare come sia stato raggiunto l’accordo è stata anche la leader della Fiom, Francesca Re David, sottolineando come “per essere valido deve essere approvato dai lavoratori con il referendum”. Una consultazione che, spiegano pure dalla Uilm, potrebbe ora essere organizzata “già entro la fine della prossima settimana”. “Il ministro Di Maio? Ha giocato un ruolo importante per convincere ArcelorMittal sui numeri che ci eravamo prefissati”, ha concluso. Di fatto, l’accordo finale prevederà adesso 10.700 assunzioni, verrà aperto un piano volontario di incentivi all’esodo, poi zero esuberi, premialità una tantum. In giornata, dopo la rilettura dei testi, sono attese le firme.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, c’è l’accordo tra Mittal e sindacati: 10.700 assunzioni subito e nessun esubero. Uilm: ‘Obiettivo raggiunto’

next
Articolo Successivo

Ilva, Di Maio: “Miglior risultato possibile nelle peggiori condizioni. Per lavoratori no esuberi e no Jobs act”

next