Il progetto europeo è in “pericolo di morte“, minacciato da avversari sia dentro sia fuori l’Unione e “alcuni all’interno dell’Europa lo vogliono indebolire o addirittura distruggere: la Polonia, l’Ungheria, la Romania, il governo italiano”. A dirlo, secondo Politico, è stato il commissario Ue al Bilancio Günther Oettinger, durante un intervento martedì sera a Bruxelles. La rapida approvazione del prossimo bilancio Ue da parte dei leader nazionali e del Parlamento europeo dimostrerebbe che l’Europa è ancora capace di agire nonostante queste sfide, ha commentato il commissario.

L’Europa è anche a rischio a causa degli autocrati che usano le guerre commerciali e l’aggressione, ha proseguito Oettinger sempre secondo Politico, citando il presidente russo Vladimir Putin, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ed “i furbi cinesi”. Il tedesco ha quindi criticato anche il suo governo, sottolineando che Berlino non dimostra sufficiente entusiasmo per l’Europa, in particolare quando si parla del bilancio. Il ministro delle Finanze socialdemocratico Olaf Scholz, ha detto, è “un tesoriere ancora più rigoroso sotto questo punto di vista” rispetto al suo predecessore conservatore Wolfgang Schauble.

Di parere opposto, però, la commissaria Ue alla giustizia Vera Jourova. A chi le chiedeva di commentare la presa di posizione di Oettinger, Jourova ha risposto che quella fornita dal commissario “è un’immagine troppo buia”, dovuta “forse” al fatto che “aveva avuto una giornata difficile“, anche se “è assolutamente vero che l’Ue è sotto sfida”. “Io sono un’ottimista di natura”, ha aggiunto Jourova, di fronte alle difficoltà “dobbiamo rendere l’Ue più resiliente e unita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grecia, l’ex presidente dell’Eurogruppo Dijsselbloem: “Abbiamo chiesto troppo a quel popolo in cambio del salvataggio”

prev
Articolo Successivo

Conti pubblici, Juncker: “Commissione Ue rassicurata da Salvini e Di Maio. Normale rispettare patto di stabilità”

next