La dodicesima edizione di X Factor non è ancora iniziata ma da settimane è al centro della scena mediatica. Il caso Asia Argento, accusata di aver pagato 380 mila dollari a Jimmy Bennett dopo un rapporto consensuale quando lui era minorenne, tra poche ore avrà una definitiva soluzione. L’attrice sarà esclusa dal talent show di Sky ma le sette puntate di casting già registrate saranno trasmesse da giovedì 6 settembre con la Argento, ex simbolo del #metoo, nel ruolo di giudice.

Chi prenderà il suo posto? E’ partito da tempo il totogiudice per la sostituzione e sono circolati diversi nomi da Morgan a Simona Ventura. In pole position, stando a quanto scrive oggi Il Giornale, ci sarebbe Stefano Belisari in arte Elio. Il leader di Elio e le storie tese ha già vestito i panni di giudice in quattro edizioni (2010, 2011, 2012, 2013 e 2015), oltre ad aver particpato più volte allo StraFactor. Il quotidiano fa sapere che il management di Elio non conferma né smentisce ma voci autorevoli lo danno tra i favoriti.

Si tratterebbe di una soluzione che si può definire “interna”, un nome di famiglia a cui chiedere il favore per le puntate live. Resterebbero in corsa, con quotazioni minori anche Lodo Guenzi, frontman de Lo Stato Sociale, e Baby K, artecifice di numerosi tormetoni estivi. Il nuovo giudice avrebbe il compito di gestire la categoria già formata dalla Argento non avendo quindi nessun potere di scelta. Il mistero sarà svelato domani, 5 settembre, nel corso della conferenza stampa di presentazione del programma. In giuria confermatissimi il neosposo Fedez, Manuel Agnelli e Mara Maionchi.

Il percorso di Asia Argento sarà trasmesso integralmente o ci saranno tagli strategici? La Cnn dopo lo scandalo che ha colpito l’attrice ha scelto una linea decisamente più dura eliminando la sua immagine dagli episodi di “Parts unknown”, lo show dello chef Anthony Bourdain, compagno di Asia morto suicida due mesi fa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La vita in diretta vs Pomeriggio 5: chi vince la prima puntata? RaiUno con il 16,6% di share

prev
Articolo Successivo

Verissimo, la prima ospite? Potrebbe essere Chiara Ferragni. Il ‘colpaccio’ di Silvia Toffanin

next