Addio a Claudio Lolli. Il cantautore bolognese è morto a 68 anni, dopo una lunga malattia. Considerato tra i più impegnati, Lolli, nella sua trentennale carriera, non ha però toccato solo temi politici. Nei circa 20 album incisi ha affrontato anche l’amicizia (Michel), la desolazione e la crisi (Un uomo in crisi: canzoni di morte. Canzoni di vita), temi sociali e culturali (Ho visto anche degli zingari felici). Poeta e scrittore oltre che musicista, nel 2017, dopo anni di silenzio, ha vinto la Targa Tenco nella categoria “Miglior disco dell’anno in assoluto” con l’album Il grande freddo, finanziato con un’operazione di crowdfunding lanciata via web. Nel corso della sua carriera, Lolli ha avuto modo di conoscere, in particolare nella Bologna delle osterie, Francesco Guccini, che lo ha portato alla EMI Italiana, l’etichetta che gli dà il la per entrare nel mondo della musica. Il titolo del primo lavoro di Lolli è Aspettando Godot del 1972.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quando la musica ti porta all’esasperazione. Cosa fare contro rumori (e vicini) molesti

prev
Articolo Successivo

Claudio Lolli, il cantautore che sognava un mondo migliore

next