A Palermo è polemica per il video installazione “Pteridophilia” proiettato nell’orto botanico del paese dal 16 giugno scorso, si tratta di un’opera dalla durata di trentasette minuti prodotto  dall’artista cinese Zheng Bo in cui si vedono sette ragazzi fare sesso con le piante nella foresta di Taiwan. L’installazione fa parte di un progetto culturale organizzato dalla fondazione “Manifesta 12 Palermo”e per il quale il Comune siciliano ha erogato quasi due milioni e mezzo di euro.

Pteridophilia” è un video che affronta il tema della dendrofilia: una vera e propria forma di feticismo che consiste nell’attrazione sessuale per gli alberi e le piante in genere, chi la pratica può arrivare anche ad un congiungimento sessuale con esse. Si tratterebbe di un’antica pratica la cui origine risalirebbe ad alcune tribù del Sud America che usavano eiaculare in modo occasionale su tronchi d’albero in maniera rituale.

L’installazione esposta nell’orto botanico ha suscitato diverse perplessità e polemiche, sono in molti ad additarla come opera pornografica mentre vengono richieste restrizioni per evitare che i minori assistano alla proiezione del video. Accanto all’installazione è stato posto un cartello bilingue che vieta l’accesso ai minori di 16anni.

Sull’opera dibattuta è intervenuto Roberto Albergoni, project manager e direttore generale di Manifesta che ha avuto modo di dare maggiori informazioni a PalermoToday: “Riguardo alla collocazione della video installazione all’Orto Botanico, si è già provveduto a inibire l’audio per i soli visitatori dotati di cuffie e a segnalare chiaramente che il contenuto non è adatto ai minori di 16 anni. Si procederà – ha aggiunto- a rafforzare tale sistema di informazione sul contenuto, così da rendere libero ciascuno di fruire o meno della video installazione”.

Il direttore dell’Orto Botanico Rosario Schicchi, sempre su Palermo Today, ha fatto sapere che l’installazione al momento è spenta e in un’area non immediatamente visibile. In risposta alla polemica ha affermato: “E’ una forma d’arte, sulla quale personalmente ho dei dubbi, ma se Manifesta la propone avrà una valenza”.

Viviana Lo Monaco, consigliere grillino e componente della commissione cultura del Comune di Palermo ha affermato: “Non spetta a noi attribuire valore artistico a un’opera, né tantomeno giudicarla, ma di certo possiamo e dobbiamo appellarci ai canoni del buon gusto e del decoro, riconoscendo altresì che la libertà di ognuno di noi finisce dove inizia quella del nostro prossimo, soprattutto se di mezzo ci sono bambini”.