I comuni contro il governo per il congelamento dei fondi del bando per le periferie previsto nel decreto Milleproroghe. Al loro fianco anche il Pd che minaccia battaglia, ma che in Aula ha votato insieme alla maggioranza per lo stop (Renzi compreso) e per la creazione di una nuova cassa aperta a tutti gli 8mila comuni. La polemica è scoppiata nelle ore successiva al via libera del provvedimento: se in Aula i democratici si sono uniti alla maggioranza nel dare il via libera alla sospensione dei finanziamenti, fuori da Palazzo Madama hanno iniziato la campagna mediatica a fianco delle amministrazioni. Sotto accusa c’è il provvedimento approvato il 7 agosto al Senato e che aspetta il via libera della Camera in autunno: se da un lato si prevede lo sblocco degli investimenti per gli enti virtuosi, dall’altra si congelano fino al 2020 i finanziamenti per 96 tra città e aree metropolitane per trasferirli ad un’altra cassa. I sindaci interessati hanno quindi minacciato di diffidare la presidenza del Consiglio. La sottosegretaria Laura Castelli ha replicato dichiarando che l’intervento si è reso necessario per rispettare una sentenza della Corte costituzionale: “Rivendichiamo con orgoglio la modifica che sblocca finalmente 1 miliardo di euro per investimenti. È il colmo che oggi il Pd ci attacchi visto che ha votato a favore dell’emendamento ma, soprattutto, dopo che ha promesso dei fondi con una norma sulla quale è intervenuta una pronuncia di illegittimità costituzionale: le sentenze della Consulta non valgono più per il Partito democratico?”.

Ad essere bloccata nello specifico è la seconda tranche del Piano periferie istituito dai governi Renzi e Gentiloni che prevedeva in totale 2,1 miliardi di finanziamenti dallo Stato e, come ricostruito dal Sole 24 ore, “con effetti potenziali calcolati in 3,9 miliardi di cofinanziamenti”. Le prime 24 convenzioni erano state firmate il 6 marzo 2017, mentre le altre 96 a fine 2017. Proprio queste ultime sono state bloccate, almeno fino al 2020. Si prevede quindi di dirottare i fondi (140 milioni nel 2018, 320 nel 2019, 350 nel 2020 e 220 nel 2021) in un Fondo cassa che serva per “per favorire gli investimenti delle città metropolitane, delle Province e dei Comuni, da realizzare attraverso l’utilizzo dei risultati di amministrazione degli esercizi precedenti”.

Castelli ha sostenuto che l’esecutivo è intervenuto “per dare attuazione alla sentenza della Corte costituzionale n. 74 del 2018“, nella quale si dice che serve un’intesa con gli enti territoriali (quindi le Regioni) nell’assegnazione dei fondi e che non si può intervenire solo su richiesta del Comune. Una posizione che però viene contestata dal deputato dem Roberto Morassut: “Quella sentenza non c’entra nulla col bando delle periferie. Essa si riferisce al ruolo delle regioni in relazione ad un ricorso del Veneto e a quelle parti dell’articolo 1 comma 140 della legge che toccano le competenze regionali. Ebbene non è il caso del bandi delle periferie dove la competenza decisionale è comunale”. Castelli non concorda e anzi ha garantito che non salteranno tutti i progetti: “Abbiamo garantito immediata finanziabilità per i primi 24 progetti che hanno ricevuto un punteggio superiore a 70/100. Ma, vista la necessità di rispettare la sentenza della Consulta, è stato necessario intervenire per analizzare i restanti progetti e valutare quali abbiano davvero una funzione di rilancio per le periferie. In ogni caso le spese progettuali già sostenute verranno rimborsate. Va comunque sottolineato che il bando per le periferie era stato finanziato dal precedente governo per metà dell’importo complessivo. Si trattava quindi di mere promesse più che di risorse messe realmente a disposizione. Con tale strumento, inoltre, si è tolto ai sindaci il diritto di scegliere come usare le risorse come affermato dalla Corte Costituzionale. Abbiamo perciò deciso di utilizzare le risorse stanziate per le convenzioni negli anni 2018 e 2019 non solo per alcuni dei progetti dei Comuni capoluogo che hanno partecipato al Bando, ma per tutti gli 8.000 Comuni d’Italia, al fine di consentire alle tante amministrazioni comunali con avanzi di amministrazione di poterli utilizzare immediatamente per investimenti in opere pubbliche, secondo un criterio di premialità e di equità e rispetto di principi costituzionali”. E ha concluso: “Siamo convinti che i progetti non siano tutti uguali: è necessario distinguere tra i Comuni che hanno dato avvio a progetti già esecutivi e su cui si è già investito per il rilancio delle periferie e chi invece utilizza questo fondo al solo scopo di creare progetti di facciata”. Quindi ha concluso: “Gli attacchi ricevuti si trasformano comunque in un boomerang perché l’emendamento 13.2 che ha istituito il nuovo Fondo è stato votato all’unanimità da tutte le forze politiche, anche dallo stesso Partito democratico e dal senatore Matteo Renzi”.

La situazione paradossale ha provocato sicuramente un cortocircuito dentro il Pd. “Sono sbalordito”, ha detto il sindaco di Modena dem Gian Carlo Muzzarelli, “questa è “una cantonata, anche del Pd. Ho appreso poco fa che l’emendamento per il rinvio del secondo step del bando periferie è stato approvato all’unanimità, Pd compreso. Sono sbalordito. Se anche chi minaccia ogni giorno la più dura delle opposizioni al governo giallo verde prende cantonate così e cade negli emendamenti trappola del Governo senza verificarli, c’è da essere davvero sgomenti per il futuro della sinistra e per la sorte delle città e dei territori. A questo punto non solo confermo i giudizi che ho già espresso sul Governo e sul provvedimento, ma chiedo al Pd di fare subito chiarezza al suo interno e di prendere immediatamente l’impegno per cancellare la norma alla Camera. Dopo di che mi pare evidente che per il Pd cambiare spartito e suonatori è sempre più urgente”. L’errore dei senatori è stato riconosciuto dallo stesso sindaco di Firenze Dario Nardella: “Non me lo spiego, ma spero che daranno una motivazione. Comunque io non vedo il colore politico di chi lo ha votato chiederò certamente ai deputati del Pd alla Camera di non votare questo emendamento, perché non deve diventare norma”.

Anci: “Decisione preoccupante e gravissima. Atti già firmati”
L’iniziativa del governo ha scatenato le polemiche di Anci e numerosi rappresentanti locali. “E’ una decisione preoccupante e gravissima”, ha commentato il presidente dell’Associazione nazionale comuni italiani Antonio Decaro. “Parliamo di atti già firmati dalla presidenza del Consiglio e dagli enti interessati, convenzioni in virtù delle quali le amministrazioni hanno avviato attività di progettazione quando non anche le gare. Quei 96 sindaci potrebbero diffidare la presidenza del Consiglio ad adempiere a quanto deciso e sottoscritto dal governo. Davvero non vorremmo essere costretti ad arrivare a tanto. Ma pretendiamo chiarezza”. Ha chiesto chiarimenti anche il coordinatore nazionale Anci regionali e sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi: “La sospensione delle convenzioni del Bando periferie pari a 3,8 miliardi per la rigenerazione urbana di 96 tra città e aree metropolitane ci preoccupa moltissimo. Molte realtà hanno, infatti, già investito nelle progettazioni e ora il possibile congelamento delle risorse potrebbe determinare anche delle serie difficoltà nella gestione del bilancio. Le risorse per le progettazioni, ribadisco, devono essere coperte subito. Il governo deve chiarire la sua posizione sugli impegni assunti”. Protestano vari sindaci: “Giù le mani dal bando periferie!”, ha scritto su Twitter il sindaco di Pesaro Matteo Ricci. “Sono 2 miliardi contro degrado e per la trasformazione di 100 città. Parlamento e governo ritornino indietro altrimenti con i sindaci, di tutti i colori politici, sarà battaglia durissima. Pronti a presidiare camera con fascia tricolore. #mobilitati”. Critico anche il primo cittadino di Napoli Luigi De Magistris: “E’ impensabile rinunciare a quelle risorse per le periferie con i Comuni che non hanno soldi, motivo per cui stanno capitalizzando al massimo quell’opportunità”. Tra i progetti a rischio c’è anche Restart Scampia, programma con cui si punta a cambiare il volto dell’area nord di Napoli e che prevede l’abbattimento di tre Vele a seguito del loro svuotamento. Il Comune di Napoli sta già procedendo all’assegnazione dei nuovi alloggi per chi deve lasciare le Vele ed ha anche già assegnato la gara per l’abbattimento della prima Vela. “Noi non ci fermeremo, andremo avanti con la massima determinazione – ha sottolineato de Magistris – e questa è l’indicazione che ho dato agli uffici comunali. Si continuano a finanziare armi, opere pubbliche mentre si tolgono soldi alle periferie, ai territori e a chi ha più bisogno. Non voglio credere che questa sia l’interpretazione corretta del provvedimento e per questo credo che il governo debba subito intervenire e chiarire la sua posizione”.


Pd: “Si fermano centinaia di progetti”
Si sono mobilitati a fianco dei sindaci anche gli esponenti Pd, ricordando che il bando era stato un’iniziativa degli esecutivi precedenti. “Con lo scippo dei fondi del Piano Periferie”, hanno detto i una nota i deputati dem, “si fermano centinaia di progetti, basta leggere la rassegna stampa locale di queste ore e le proteste dei sindaci. Il Partito democratico dia la massima assistenza ai sindaci per presentare la diffida contro il governo, visto che parliamo di convenzioni già firmate, e procedere con tutti i passi legali necessari”. Secondo i democratici sono decine i progetti a rischio: “Dai piani per Corviale a Roma al progetto ‘Restart Scampia’ a Napoli, dalla riqualificazione di Sant’Avendrace a Cagliari al quartiere Monticelli ad Ascoli, dai 18 milioni per Rimini Nord alla ciclabile di Imperia: tutto finisce a rischio stop per la scelta incomprensibile del governo Lega-M5s, che a parole in campagna elettorale dichiaravano di voler stare vicino alle periferie e invece appena arrivati al potere hanno cancellato il primo piano strutturale per la riqualificazione delle zone più difficili delle nostre città”. E in merito alle repliche del governo, secondo cui semplicemente si estende la possibilità dei comuni di accedere ai fondi hanno commentato: “Le dichiarazioni dei sottosegretari Garavaglia e Castelli fanno pensare a due possibilità: o sono in malafede e continuano a prendere in giro i cittadini, oppure non sanno di che parlano. Garavaglia dice che quei soldi devono andare anche agli altri comuni e non solo ai 120 indicati. Ma parliamo di tutti i comuni capoluogo e città metropolitane d’Italia: a chi altri dovrebbero andare dei fondi, che sono finalizzati alla riqualificazione delle periferie, se non alle città che hanno le periferie? Che c’entrano i piccoli comuni, anche di poche centinaia di abitanti, con le periferie? Se vogliono aiutare gli 8mila comuni italiani, lo facciano con fondi veri, non scippando soldi già assegnati che si traducono in briciole se divisi per 8mila. La sottosegretaria Castelli, già autrice di vere e proprie perle come quella sul referendum sull’Euro o sul ruolo dell’Istat, nega invece che ci sia stato il taglio: non sa neanche leggere gli emendamenti presentati dal suo Governo”.